Pizzeria Betra Salerno

Salernitana-Pescara, lo studio e l’analisi tattica del match

La relazione tecnico tattica, nel dettaglio, dell'allenatore Jacopo Leone.

013
Leggendo i numeri della partita notiamo che la vittoria granata non è stata meritata ma di più. I numeri parlano chiaro 19 tiri verso lo specchio della porta contro i soli 2 del Pescara (il gol ed un tiro al 91’ parato da Micai). Il modulo adottato da mister Ventura è il suo marchio di fabbrica 1-3-5-2,con Micai tra i pali tre centrali con tanta fisicità ( Dcd Karo – Dc Migliorini – Dcs Jaroszyrisky) i quinti molto offensivi per caratteristiche (Es Kiyine – Ed Cicerelli), tre centrocampisti ( Int dx Akpa Akpro – Cc Di Tacchio – Int sx Firenze) e due punte ( Jallow – Giannetti). Alcuni principi notati durante la gara:

  1. Tanti uomini in zona palla
  2. Ricerca del gioco palla a terra
  3. Aggressività a palla persa

1

Chi ha palla, Jaroszyrisky , ha sempre più possibilità di appoggi. In questo caso due soluzioni laterali ed uno in profondità formando un rombo in zona.

2

A palla persa vediamo come la Salernitana ingabbi il Pescara formando un 3vs2 in zona palla.

3

Giocando con la difesa a tre la squadra di Ventura in fase d’impostazione da dietro libera Di Tacchio e lo fa avanzare di qualche metro con Migliorini che si trasforma in un “regista” difensivo per uscire dal pressing avversario. Nell’immagine in oggetto vediamo proprio che con palla a Micai i due centrali di destra Karo e di sinistra Jaroszyrisky si allarghino con Migliorini che si sposta in zona luce per ricevere. Qui la squadra pescarese va in difficoltà con Bruno che chiude Di Tacchio, l’attaccante va in pressing sul portiere liberando proprio il centrale granata.

4

5

Dicevamo sopra Migliorini in fase d’impostazione è diventato il secondo regista granata, per fare un paragone, ovviamente con le dovute proporzioni, come succedeva con la Juve qualche anno addietro quando Pirlo veniva marcato ad uomo e Bonucci impostava. Vediamo nella prima foto come il centrale granata conduca palla , visto la marcatura ad uomo su Di Tacchio, fino a servire Firenze che si libera dietro la linea di pressing avversaria.

6

Concludiamo con questa immagine che secondo me è l’emblema della voglia dei granata di portare a casa il risultato. Il centrale difensivo di sinistra Jaroszyrisky nella trequarti avversaria che crossa per Jallow, Karo altro centrale di destra anche lui sul lato opposto in marcatura preventiva sull’avversario.
Ovviamente siamo solo alla prima giornata c’è bisogno di equilibrio, però una cosa possiamo dirla cioè che si è vista un idea di gioco, il marchio di fabbrica è del mister Ventura che ha vinto la sfida sia sul campo che tatticamente contro mister Zauri. Come si suol dire chi ben comincia è a metà dell’opera.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.