Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana, la torre è Djuric: Pisa ko (1-0 pt)

I primi 45'. Gli oltre cento giorni di stop ed il caldo rendono poco vibrante la gara. Decisivo il bosniaco al giro di lancette 29' dopo il palo colpito da Lombardi

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-PISA 1-0

SALERNITANA. Vannucchi, Aya, Billong, Jaroszynski, Lombardi, Akpa Akpro, Dziczek, Lopez, Cerci, Djuric, Kiyine. A disp.: Russo, Migliorini, Curcio, Capezzi, Di Tacchio, Karo, Galeotafiore, Maistro, Giannetti. All.: Ventura
PISA. Gori, Varnier, Caracciolo, Birindelli, Pisano, Gucher, De Vitis, Siega, Lisi, Marconi, Masucci. A disp.: Dekic, Perilli, Belli, Pompetti, Pinato, Minesso, Benedetti, Meroni, Vido, Ingrosso, Fabbro, Soddimo. All.: D’Angelo
MARCATORE. 29′ Djuric.
ARBITRO. Ayroldi di Molfetta.
NOTE. Ammoniti: Dziczek, Lopez, Birindelli, Akpa Akpro; calci d’angolo: 1-3; minuti di recupero: 3′ pt.

Salernitana, la torre è Djuric: Pisa ko. Gli oltre cento giorni di stop ed il caldo rendono poco vibrante la gara. Decisivo il bosniaco al giro di lancette 29′ dopo il palo colpito da Lombardi. IL PRIMO TEMPO. Trascorrono centoventi secondi ed il primo brivido al ritorno sul terreno di gioco dell’Arechi parla toscano. Traversone senza grosse pretese di Gucher, Vannucchi e Aya si complicano la vita ma fortunatamente Marconi non riesci a ribadire in fondo al sacco. Ventuno giri di lancette per assistere alla reazione della formazione di casa. Incursione in area di rigore del velocista Lombardi, fermata sul più bello dal diretto marcatore, tentativo di Djuric rimpallato e destro di Dziczek deviato in angolo. Il caldo e gli otre cento giorno di pausa concedono una piccola pausa. Si riparte e l’undici di Ventura cogli impreparata la retroguardia pisana. Il polacco, libero di agire, lancia millimetricamente l’ex Benevento: siluro che termina la propria corsa sul palo, Kiyine cerca senza fortuna la conclusione a giro ed il lestissimo Djuric non può sbagliare a pochi centimetri dalla linea bianca di porta. Punto dell’uno a zero (minuto ventinove) e doppia cifra per il bosniaco. L’ultimo sussulto porta la firma di Gucher, l’estremo difensore campano fa buona guardia.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.