Assistenza computer salerno e provincia
Pizzeria Betra Salerno

Attenti alla Salernitana, Kiyine e Sprocati azzannano il lupo (2-0 pt)

Alla formazione granata bastano nove giri di lancette (dal 9' al 17') per mettere ko un inconsistente Avellino

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-AVELLINO 2-0

SALERNITANA (4-3-3). Radunovic, Casasola, Tuia, Schiavi, Pucino, Minala, Ricci, Kiyine, Di Roberto, Bocalon, Sprocati. A disp.: Adamonis, Vitale, Mantovani, Signorelli, Zito, Rosina, Della Rocca, Palombi, Odjer, Asmah, Monaco, Popescu. All.: Colantuono.
AVELLINO (4-2-3-1). Lezzerini, Laverone, Morero, Kresic, Ngawa, De Risio, Di Tacchio, Molina, Gavazzi, Bidaoui (38′ Asencio), Ardemagni. A disp.: Casadei, Pecorini, Marchizza, Migliorini, Castaldo, Falasco, Evangelista, Mentana, Rizzato, Wilmots. All. Novellino.

MARCATORI. 9′ Kiyine, 17′ Sprocati
ARBITRO. Aureliano di Bologna (Galetto-Caliari; IV uomo: Carella)
NOTE. Spettatori: ammoniti: calci d’angolo: 1-3 minuti di recupero: 2′ pt.

“Attenti alla Salernitana”, Kiyine e Sprocati azzannano l’Avellino. Il derby dell’Arechi si tinge di granata. Partenza sprint e l’undici di Colantuono conferma i progressi mostrati nella trasferta di Ascoli. Irpini quasi mai in partita. IL PRIMO TEMPO. Centoventi secondi ed i padroni di casa, partiti con il piglio giusto, provano a sorprendere il pacchetto arretrato biancoverde. Il destro, poco fuori l’area di rigore, è di Bocalon: devia in angolo Lezzerini. Meno pericolosa, minuto cinque, la conclusione di Casasola dalla lunga distanza. Resta a guardare, per il momento, l’undici di mister Novellino. Accenno di risveglio degli irpini con un calcio piazzato. Nulla di particolarmente rilevante per la difesa granata. La supremazia della Salernitana viene premiata al nono giro di lancette. Decisiva la deviazione dell’ex Laverone su tiro di Kiyine. La risposta dell’Avellino? Nel solo ed innocuo traversone di Gavazzi che non impegna più di tanto Radunovic. Al 13′ è tempo di applausi in memoria del difensore della Fiorentina, Davide Astori. Saga degli “orrori” quattro minuti più tardi. Bidauoi (che al 38′ lascia il posto ad Asencio), Ngawa e Morero permettono a Bocalon di servire l’assist più appetitosi del derby per Sprocati. L’ex Pro Vercelli, già decisivo al “Partenio” e a digiuno da lungo tempo, firma il raddoppio con un chirurgico destro a giro. Non pervenuti Ardemagni e compagnia. I granata controllano agevolmente il doppio vantaggio. Giro di lancette trantanove. Kiyine perde palla (forse con un calcio di troppo) e l’Avellino imbastisce la prima azione offensiva degna di tal nome. Il nuovo entrato Asencio non inquadra il bersaglio grosso. Sul finire della prima frazione di gioco, con una Salernitana notevolmente rilassata, è Ardemagni di testa a testare i riflessi dell’estremo difensore granata.

Assistenza computer salerno e provincia
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.