Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana, Casasola ci mette il cross: con la Reggina è 1-1

Al 90'. Accade tutto in sessanta secondi: colpisce Menez all'83', pareggia l'argentino con un pizzico di fortuna all'84'. Tutino sfiora il raddoppio al 92'

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-REGGINA 1-1 (0-0)

SALERNITANA. Belec, Veseli, Aya, Lopez, Casasola, Kupisz, Schiavone, Cicerelli, Curcio (73′ Migliorini), Tutino, Djuric (85′ Gondo). A disp.: Micai, Russo, Bogdan, Karo, Iannoni, Galeotafiore, Giannetti, Lombardi. All.: Bocchini.
REGGINA. Plizzari, Loiacono, Gasparetto, Rossi, Rolando, Bianchi (57′ Faty), Crisetig, Liotti (68′ Di Chiara), Bellomo (68′ Mastour), Menez, Denis (80′ Lafferty). A disp.: Guarna, Farroni, Delprato, Bertoncini, Peli, Stavropoulos, De Rose, Folorunsho. All.: Napoli.
MARCATORI. 83′ Menez, 84′ Casasola
ARBITRO. Fabbri di Ravenna.
NOTE. Ammoniti: Tutino, Loiacono, Veseli, Rossi, Migliorini; calci d’angolo: 3-6; minuti di recupero: 0′ pt e 3′ st;

Salernitana, Casasola ci mette il cross: con la Reggina è 1-1. Accade tutto in sessanta secondi: colpisce Menez all’83’, pareggia l’argentino con un pizzico di fortuna all’84’. Tutino sfiora il raddoppio al 92′. LA PARTITA. Cicerelli e Kupisz scaldano la contesa nei primi quattro giri di lancette. Granata ad un passo dal vantaggio per questione di centimetri. Tanto possesso palla degli amaranto e poco altro. Al ventunesimo il sussulto degli ospiti. Rolando è in area di rigore, controllo e mancin. pronto a pungere ma il recupero di Aya è prodigioso. Rispondo i padroni di casa, dopo un lungo torpore, da calcio piazzato superata la mezz’ora di gioco. Pennellata di Curcio e stacco aereo (centrale) di Schiavone praticamente dal dischetto del rigore con Plizzari attento nella deviazione. Sul finire della prima frazione è Denis a mancare il tocco vincente a pochi passi da Belec. Inizia la ripresa. Trascorrono tredici minuti e Denis, intervento al limite di Lopez, chiede il calcio di rigore. Fabbri lascia proseguire. Napoli opta per l’ingresso di Faty, fuori Bianchi. Bocchini non cambia ed il match non regala particolari colpi di scena. Si fa viva anche la Salernitana. Scambio rapido Casasola-Kupisz con l’argentino che tocca per Djuric il cui tentativo di tacco non va a buon fine. Spingono i granata. Spizzata dell’ex Cesena e destro al volo di Tutino, sfera in angolo. Tocca ai calabresi premere per provare a portare a casa l’intera posta in palio. Ed il gol arriva puntuale. Faty di testa, Menez supera agevolmente Lopez e di precisione insacca nell’angolo dove l’estremo difensore campano non può arrivare (83′). Un giro di lancette e cambia nuovamente il punteggio. Tiro-cross di Casasola, Plizzari resta a guardare ed i padroni di casa trovano il punto dell’uno ad uno. Dentro Gondo, sotto la doccia Djuric, per tentare il sorpasso. E’ la Reggina, però, a sfiorare il raddoppio. Punizione dell’ex Milan e deviazione che salva la Salernitana. Succede di tutto durante i tre giri di lancette di recupero. Il portiere calabrese anticipa di un niente Gondo e Tutino, a porta vuota, deve fare i conti con un avversariod i troppo. Triplice fischio e divisione della posta in palio.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.