Assistenza computer salerno e provincia

Poliziotto aggredito per aver difeso un cagnolino in via Arce, aperta l’indagine

Il fatto è avvenuto lo scorso settembre, l'agente in servizio, è stato aggredito anche da due familiari del giovane che stava maltrattando il cucciolo di cane

Federica D'Ambro

Venne picchiato, aggredito, colpito alla testa, solo per stava svolgendo il suo lavoro. Questo è quanto accaduto ad un poliziotto in via Arce, a Salerno, lo scorso settembre. I’agente era intervenuto per difendere un cucciolo, redarguendo il giovane che lo stava trascinando sul marciapiede. Ad aggredirlo non fu solamente, il giovane che stava maltrattando il cane, bensì anche due familiari. Subito dopo l’aggressione, l’agente di polizia si è visto costretto a rivolgersi alle cure mediche, viste le ferite riportate.
La vicenda, per ovvi motivi, non finì lì. Da subito venne aperta un’inchiesta con l’iscrizione del gruppetto violento sul registro degli indagati.
Come rivelato dal quotidiano La Città, secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, sarebbe stata la sorella del giovane a colpire con un pugno alla nuca il poliziotto. Sembrerebbe, inoltre, che poche ore dopo l’aggressione il padre del giovane sia tornato in via Arce e abbia minacciato il medico e la farmacista.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.