Scarpe per bambini - Millepiedi

L’Ossca porta all’Arena del Mare i grandi Tchaikvosky e Beethovern

La performance, in programma giovedì 25 agosto alle 21.00 e diretta dal M° Ivan Antonio, sarà impreziosita dalla presenza del talentuoso violinista Gennaro Cardaropoli

Federica D'Ambro

Dove e quando

25/08/2016 - 25/08/2016

Arena del Mare, Salerno h.21

Le opere di due grandi maestri della musica classica internazionale omaggiati dalla più giovane orchestra sinfonica italiana. Questi gli elementi distintivi di #concertosinfonico, grand soirée firmata dall’Orchestra Sinfonica di Salerno Claudio Abbado. Dopo il successo di #carosellonapoletano l’OSSCA cambia letteralmente musica eseguendo, nella suggestiva cornice dell’Arena del Mare di Salerno, il “Concerto per violino e orchestra in re magg. op. 35” di Pyotr Ilyich Tchaikvosky e la “Sinfonia n. 7 in la magg. op. 92” di Ludwig van Beethoven. La performance, in programma giovedì 25 agosto alle 21.00 e diretta dal M° Ivan Antonio, sarà impreziosita dalla presenza del talentuoso violinista Gennaro Cardaropoli. Costo del biglietto: platea non numerata, 15 euro; ridotto posto unico, 12 euro.

“Il Concerto per violino e orchestra op. 35” nacque alla fine di uno dei periodi più fecondi della creatività di Tchaikvosky. La prima stesura avvenne a Clarens sul lago di Ginevra nel marzo 1878, a stretto contatto con il giovane violinista Josif I. Kotek, amico e allievo di Tchaikvosky, che oltre a fornire qualche consiglio di ordine tecnico ne fu il primo interprete in una esecuzione privata col compositore al pianoforte.
“Sinfonia n. 7 in la magg. op. 92” rappresenta invece l’idea di armonia e di gioia espressa da Beethoven. Il primo concerto – organizzato per i soldati austriaci e bavaresi feriti nella battaglia napoleonica di Hanau- fu accolto in modo entusiastico dal pubblico e l’esecuzione fu giudicata eccellente, anche in virtù del fatto che vi avevano collaborato i maggiori strumentisti residenti a Vienna nel periodo.

“L’affetto che il pubblico ci riserva fin dall’esordio ci spinge a misurarci con prove sempre più ardue – spiega Gianni Di Lisa, presidente dell’Associazione dell’OSSCA –. La passione e l’ambizione sono il carburante che alimenta un sogno che cresce grazie all’abnegazione dei musicisti, del direttore d’orchestra e di tutte quelle persone che ci supportano e ci accompagnano. Ci prepariamo, tra le altre cose, ad una stagione autunnale impegnativa che auspichiamo possa essere foriera di gioia e soddisfazioni”. Da settimane, infatti, l’OSSCA ed il segretario artistico Fabio Marone, lavorano non solo per la prossima stagione ma anche per la partecipazione, il prossimo 10 settembre, a “Viva la musica 2016” prestigioso evento che si tiene a Berlino al “Gärten der Welt”.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.