Assistenza computer salerno e provincia

Dia, provincia di Salerno: gruppi criminali si gettano su appalti e scambio elettorale

I dettagli della relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia sul territorio di Salerno

Federica D'Ambro

340

Tempo di bilanci per la Direzione Ivenstigativa Antimafia di Salerno che ha reso noto i dettagli della relazione semestre del 2017, indicando tutte le operazioni, gli arresti e le indagini fatte da Settembre a Dicembre 2017, su tutto il territorio salernitano. Quello che emerge dalla relazione della Dia di Salerno è che i gruppi criminali sembrano sempre più infiltrati in costruzioni private e appalti pubblici.

LE OPREAZIONI

In data 12 settembre 2017, nell’ambito dell’operazione “SCUDO”, il personale della Sezione Operativa DIA di Salerno ha notificato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari a 7 indagati, ritenuti responsabili di bancarotta fraudolenta, in relazione al dissesto che ha interessato, nel 2011, il locale I.A.C.P.

In data 9 novembre 2017, nell’ambito dell’operazione “PORTA OVEST”, il personale della Sezione Operativa DIA di Salerno ha notificato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari a 33 indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo e in concorso, dei reati di malversazione a danno dello Stato, indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, abuso d’ufficio, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e crollo di costruzioni o altri disastri dolosi, tutto in relazione allo svolgimento dei lavori di assegnazione e realizzazione dell’omonima opera pubblica insistente su questo capoluogo. Nel prosieguo, in data 11 dicembre 2017 è stato eseguito il sequestro preventivo di beni (immobili, mobili registrati, terreni, quote societarie e rapporti di credito) per un valore di 31 milioni di euro, nei confronti di 9 indagati e 2 persone giuridiche, ritenute responsabili, nell’ambito della citata operazione, di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e malversazione a danno dello Stato.

In data 26 settembre 2017, nell’ambito dell’operazione “SARASTRA”, personale della Sezione Operativa DIA di Salerno ha notificato l’avviso di conclusioni delle indagini e contestuale informazione di garanzia emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno-DDA nei confronti degli indagati Aliberti Angelo Pasqualino, Aliberti Nello Maurizio, Barchesi Roberto, Cozzolino Giovanni, Loreto Alfonso, Paolino Monica, Petrucci Ciro, Ridosso Andrea, Ridosso Gennaro e Ridosso Luigi, tutti gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di scambio elettorale politico-mafioso, minaccia aggravata, violenza privata ed estorsione, reati commessi con l’aggravate dal metodo mafioso.
In data 26 ottobre 2017, nell’ambito dell’operazione “SARASTRA”, personale della Sezione Operativa DIA di Salerno ha notificato l’avviso di conclusioni delle indagini e contestuale informazione di garanzia emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno-DDA nei confronti degli indagati Aliberti Angelo Pasqualino, Cozzolino Giovanni più  3 titolari di due ditte di onoranze funebri, tutti gravemente indiziati, a vario titolo, del reato di abuso di ufficio, con l’aggravate dal metodo mafioso, in relazione all’aver favorito e tratto reciproco vantaggio dall’attività delle due società di onoranze funebri nel territorio del Comune di Scafati, pur essendo le stesse diretta espressione di altrettanti sodalizi di camorra (clan D’Alessandro di Castellammare di Stabia e clan Matrone di Scafati).
Nel contempo, la commissione d’indagine nominata dal Prefetto di Salerno ed insedia-tasi presso quel Comune ha terminato il proprio lavoro, la cui refertazione è stata tra-smessa dallo stesso Prefetto al Ministro dell’interno, per le decisioni in merito alla sus-sistenza di infiltrazioni della locale criminalità organizzata in quell’Ente pubblico. In data 27 gennaio 2017, su conforme proposta del Ministro dell’interno, il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo scioglimento per infiltrazioni da parte della criminalità orga-nizzata del Consiglio comunale di Scafati (Sa); a seguito di ciò, in data 30 gennaio 2017 il Presidente della Repubblica ha nominato la Commissione Straordinaria per il Comune di Scafati (Sa), tuttora in attività.

APPALTI PUBBLICI

Le attività investigative finalizzate alla prevenzione e repressione di tentativi di infiltrazione negli appalti pubblici, esperite nel corrente semestre, hanno riguardato soggetti interessati non solo nella realizzazione di infrastrutture e insediamenti strategici di cui alle opere classificate d’interesse nazionale elencate nel D.M. 14 marzo 2003, ma anche alla realizzazione di opere pubbliche di particolare interesse locale.
In tale contesto, sono state identificate e monitorate numerose società impegnate in opere pubbliche in corso a Salerno e provincia aventi importi oltre soglia.
In tale ambito, nel periodo d’interesse la Sezione Operativa DIA di Salerno ha fornito informazioni ex art. 91 d.lgs.159/2011 e “white list” alla locale Prefettura, nonché afferenti alla ricostruzione post-sisma, sul conto di 857 società e 3615 persone fisiche.
Sono state altresì monitorate 12 imprese e 275 persone, con contestazioni amministrative di varia natura.

Assistenza computer salerno e provincia

Commenti

I commenti sono disabilitati.