Taste - Sapori mediterranei

Primo weekend di Luci d’Artista, atteso il primo “esodo” in città

Ieri i primi selfie tra le installazioni per tanti salernitani, De Luca orgolioso: "Salerno sarà la Montecarlo del Sud"

1093894C-9570-4428-8AF8-021E07B2C7F8

Si sono accese ieri e continueranno a far luce dal pomeriggio di ogni giorno fino al 19 gennaio. Così fiori, neve e stelle hanno fatto capolino su Salerno e a rapire l’attenzione dei salernitani, la più “gettonata” negli scatti fotografici, è stata la “rotonda”. Piazza Flavio Gioia con la sua foresta è piaciuta più di tanti altri posti della città, compresa la Villa Comunale che come ogni anno è meta preferita soprattutto dai piccoli con tante installazioni luminose di animali. Da lì ha avviato il suo discorso il presidente della Regione Vincenzo De Luca lanciando anche una promessa sulla prossima edizione: “L’anno prossimo partiranno da piazza della Libertà”. L’iter e la programmazione dei lavori, infatti, dovrebbe dar luce alla piazza tanto attesa prima di novembre del prossimo anno, con la possibilità di inserire anche piazza della Libertà e l’area a ridosso del Crescent nel percorso delle luci d’artista 2020. Oggi, intanto, sono attesi i primi visitatori in massa per godere del primo weekend firmato Luci d’Artista, grande attenzione dal punto di vista veicolare ma anche nel traffico pedonale nel centro storico, soprattutto in via Mercanti, dove solitamente si creano piccoli “ingorghi” di persone, tra passeggini e gruppi in visita in spazi comunque ridotti.

I numeri e gli orari

oltre 40 chilometri di cavi con circa cinque milioni di lampadine led a basso consumo energetico. La fantasia degli autori si declina in veri e proprio capolavori che dall’oscurità emergono scintillanti e coinvolgenti. La passeggiata alla scoperta di Luci d’ Artista Salerno riserva ad ogni passo delle splendide emozioni da condividere con i bambini, i familiari, gli amici. Le Luci d’Artista Salerno sono accese tutti i giorni dalle ore 17.00 e fino alle 02.00. La visita è completamente gratuita.

La presentazione delle opere

La Villa Comunale di via Roma, ospita Lo Zoo che vorrei. Tra i viali ed aiuole spuntano animali di ogni specie che sembrano quasi poter prendere vita da un momento all’altro. E’ il regno dei bambini che passano da un’attrazione all’altra per non perdersi neanche un animale di questa foresta incantata. Un’arca di Noè che contiene anche una morale: il futuro del mondo passa attraverso una serena convivenza tra l’uomo ed ogni creatura vivente a cominciare da un gigantesco elefante luminoso alto 8 metri.

Le Tradizioni della Costa d’Amalfi sono il tema ispiratore creato in Piazza S. Agostino tra il Lungomare cittadino e la Cattedrale dell’anno Mille. Salerno, fin dalla sua origine, ha un legame inscindibile con il mare per la pesca, il commercio, le relazioni umane ed internazionali. Il mare per Salerno è il passato, ma al tempo stesso anche il futuro. Energia vitale che si sprigiona attraverso i colori intensi della Costa d’Amalfi patrimonio universale dell’Umanità dell’UNESCO. Su tutti domina il giallo acceso dei limoni sfusati dei quali si può, con un pizzico di fantasia, sentire anche il profumo.

La magnifica Piazza Flavio Gioia, che in passato ospitava un vivacissimo mercato del pesce, è diventata una Foresta Dorata. Un albero maestoso domina la scena, i rami si estendono per tutta l’area della piazza creando un vero e proprio cielo luminoso.

Luci d’Artista Salerno ha il potere magico di stravolgere anche la geografia climatica. Ecco spuntare sul lungomare mediterraneo delle colonie di buffi pinguini che dall’Antartide han preso dimora sulla scogliera del Lungomare e sulla spiaggia di Santa Teresa accanto a Moonlight l’opera realizzata da Luca Pannoli sulla spiaggia più amata dai salernitani e dai visitatori.

Alberi di Neve in Corso Garibaldi e Cascate di luce in Corso Vittorio Emanuele accendono di magia i principali corsi cittadini lasciando tutti con il naso all’insù.

Onde marine e fiori tropicali, costellazioni e pianeti, giocolieri ed orsetti volanti, sculture di luce e renne punteggiano le strade e le piazze di tutta Salerno, in un vero e proprio tripudio di colori ed atmosfere cangianti.

Enrica Borghi firma un’opera completamente costruita con fondi di bottiglie di plastica recuperati. Il suo Mosaico, installato tra i vicoli del Centro Storico, è un forte monito alla salvaguardia del pianeta Terra devastato dalle mutazioni climatiche, dal saccheggio delle risorse naturali, dall’uso indiscriminato della plastica.

Le cose del Mondo di Ugo Nespolo attendono i visitatori lungo via Trento e Via Posidonia l’asse principale che collega la zona orientale con il centro cittadino. In via Santa Margherita e via Amendola ecco Cyrcus di Luca Pannoli. Eduardo Giannattasio ha realizzato le opere luminose che s’ispirano al racconto evangelico: La Natività sulla Chiesa di San Pietro in Camerellis; l’Annunciazione sulla Chiesa del Sacro Cuore. Il mito di Nello Ferrigno impreziosisce via Pietro del Pezzo

E naturalmente non possono mancare le installazioni luminose più propriamente natalizie a cominciare dal maxi albero di Natale in Piazza Portanova, i cortei angelici intorno alla Cattedrale del Santo Patrono Matteo, le installazioni scintillanti

Luci d’Artista Salerno invitano a stare insieme, a vivere nelle strade e tra la gente superando le ansie e le paure di un tempo pieno d’inquietudini. E’ un evento popolare nel quale la bellezza incontra la gioia di divertirsi e scoprirsi. Con una forte matrice ecologica tanto nella scelta dei temi quanto nell’utilizzo di materiali ecosostenibili e/o di riciclo ed illuminazioni a basso consumo energetico.

Eventi collaterali

La visita a Luci d’Artista Salerno è anche un’occasione propizia per scoprire le interessanti attrazioni storiche, culturali, commerciali ed enogastronomiche di Salerno.

Il Complesso Monumentale dell’Addolorata ospita la bella esposizione immersiva dedicata a Van Gogh che permette di apprezzarne il genio visionario.

Il Giardino della Minerva, orto botanico della Scuola Medica Salernitana, è sempre più visitato. Ivi sono ancora coltivate le antiche essenze medicamentose e salutari che si possono acquistare o degustare in un’accogliente punto ristoro. Ed al tramonto va in scena Lumina Minervae.

Il Teatro Municipale Giuseppe Verdi diretto da Daniel Oren mette in scena Boheme di Giacomo Puccini, il Concerto di Natale delle Voci Bianche, il doppio Concerto del 1 Gennaio, Musica sotto l’Albero in Piazza Portanova dove si esibiranno anche cori natalizi, bande musicali, orchestre jazz e pop.

La notte di San Silvestro Concertone di Capodanno in Piazza Amendola per festeggiare insieme l’inizio del nuovo anno con i big bella grande musica italiana

La gigantesca ruota panoramica in piazza della Concordia supera i sessanta metri d’altezza regalando una visione mozzafiato della città e del golfo di Salerno.

E ancora i concerti jazz, le favole per i più piccoli, i presepi di sabbia e tante altri eventi per tutti i gusti e tutte le età.

Botteghe artigiane, negozi alla moda, ristoranti e bar, chioschetti street food e mercatini di Natale offrono possibilità di shopping, relax ed assaggi per tutti i gusti e tutte le tasche. Anche grazie alla speciale card che consente di ottenere sconti per gli acquisti e le visite a mostre ed eventi.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.