Taste - Sapori mediterranei

Rispettata la tradizione ad Eboli: accesi i fucanoli nei quartieri

I tradizionali fuochi, accompagnati dal folclore popolare, tanta gente in strada come usanza vuole

55625687_1974438129335132_3066613791874613248_n
EBOLI | La notte ebolitana si è “accesa” come da tradizione con i Fucanoli. Nella città di Eboli, anche ieri sera, per la festività di San Giuseppe, si è tenuto l’evento “I Fucanoli” giunto all’ottava edizione. Nei quartieri Contrada La Storta, Centro Sportivo Spartacus, Piazza Epitaffio, via Don Vincenzo Minzoni, Piazza Borgo, via Don Vincenzo Catoio e via Francesco La Francesca, sono stati accesi i tradizionali fuochi, accompagnati dal folclore popolare. Tantissima gente si è ritrovata per strada, come ha evidenziato anche il primo cittadino Massimo Cariello, in centro ed in periferia, tutti attorno a questi enormi falò, come da antica usanza e tradizione.

“Ringrazio i presidenti del comitato Santa Cecilia Domenico Alfano; Costantino Sara per La Storta Papaleone con il portavoce Emilio Cicalese; Vito Piemonte del comitato Epitaffio insieme al nuovo direttivo da poco eletto; Rocco Aliberti per il comitato Paterno; Damiano Trovato, del comitato Piazza Borgo; per via Catoio ringrazio Antonio Vecchio presidente di Jevule vico vico e Italo Corrado dell’associazione “I briganti dell’Ermice”; Giuseppe D’Agostino per via La Francesca. Ed ancora l’assessore Ennio Ginetti, i consiglieri delegati ai comitati di quartiere Vittorio Bonavoglia, alle periferie e sicurezza Giuseppe La Brocca, il consigliere Cosimina Cennamo, presidente commissione bilancio, il presidente del Forum dei Giovani, Francesco Squillante, i volontari della Protezione Civile e la Polizia Municipale”. Ha dichiarato il sindaco di Eboli. “I fucanoli sono simbolo di purificazione, ma rappresentano anche un benvenuto alla primavera che a giorni arriverà”.

54277918_1974437932668485_3303888452688281600_n

54258223_1974437226001889_7360841284052844544_n

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.