No Signal Service

Aquile randagie a Salerno

Coraggio e amore per la libertà nella pellicola a firma di Gianni Aureli che racconta la storia di un gruppo scout milanese che si ribellò al fascismo

Sarà presentata venerdì 21 febbraio al Comune di Salerno “Aquile Randagie. Una impresa senza tempo”, iniziativa promossa dall’associazione culturale ‘Opera’ insieme al gruppo scout ‘Salerno X’. L’appuntamento è alle 16 nella Sala del Gonfalone. L’iniziativa, rivolta agli studenti di scuola media superiore e alle famiglie, ha come cuore pulsante la proiezione gratuita dell’omonima pellicola a firma di Gianni Aureli che racconta l’atto eroico e allo stesso drammatico di un gruppo scout milanese che si oppose all’ordine di Mussolini di scioglimento di tutte le organizzazioni fuori dal controllo diretto del regime. Più in generale l’obiettivo degli organizzatori è accendere i riflettori, attraverso un parallelo di riflessioni e di testimonianze, sui valori che ancora oggi ispirano il cammino comunitario degli scout.

In agenda un doppio appuntamento: prima proiezione il 6 marzo al Teatro delle Arti, il 29 marzo si replica invece al Teatro Portacatena, nel cuore del centro storico.

Alla conferenza di presentazione interverranno il sindaco Vincenzo Napoli, il parlamentare Pd Piero De Luca, il presidente nazionale Agesci Vincenzo Piccolo, il consigliere comunale Nico Mazzeo, il parroco della chiesa di Sant’Agostino e Santa Lucia, don Felice Moliterno, assistente ecclesiastico del gruppo scout Salerno X.

All’incontro saranno presenti i ragazzi del gruppo scout ‘SalernoX’ coordinati e guidati dai capi Agesci Nicola Ciancio e Annapaola Concilio, responsabili dei reparti di ‘Alta Squadriglia’.

I ragazzi del ‘Salerno X’ illustreranno l’impegno profuso per la realizzazione dell’iniziativa e renderanno testimonianza delle recenti esperienze internazionali di condivisione dei valori scout.

L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio morale gratuito del Comune di Salerno.

De Angelis - Grafica e stampa

Commenti

I commenti sono disabilitati.