Al via l’Hub Music Project Festival 2016

Solidarietà e grandi nomi nei quattro appuntamenti previsti dal 21 al 29 luglio presso l'Eremo dello Spirito Santo di Capriglia di Pellezzano

Federica D'Ambro

E’ stata presentata questa mattina presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno la settima edizione di HMP Festival, manifestazione organizzata dall’associazione Hub Music Project con il supporto del Comune di Pellezzano, della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana e con il patrocinio della Camera di Commercio di Salerno, in programma dal 21 al 29 luglio nell’incantevole location dell’Eremo dello Spirito Santo di Capriglia di Pellezzano.
«Siamo molto felici di ospitare anche quest’anno un evento che unisce la solidarietà alla cultura», così Francesco Morra, assessore alla Cultura e alle Politiche sociali al Comune di Pellezzano che, durante la conferenza stampa, ha affermato: «Con l’apertura eccezionale dell’Eremo dello Spirito Santo ci apriamo al territorio per ospitare una manifestazione in grado di coinvolgere e divertire con musica di grande qualità e grande attenzione al sociale».
«Quest’anno abbiamo voluto rafforzare la nostra “mission” – ha affermato Gianluigi Palamone, membro dell’associazione Hub Music Project – ossia quella non solo di coniugare la musica alla solidarietà ma anche quella di affiancare a grandi artisti di fama internazionale realtà musicali emergenti del nostro territorio».
A rappresentare, questa mattina durante la conferenza stampa di presentazione, le band locali che inaugureranno il festival nella serata dedicata alla solidarietà, Peppe Riccio dei “Dia Libre”, storico gruppo salernitano che spazia dal pop melodico inglese all’indie rock americano degli anni Ottanta e Novanta, che, nel suo intervento, ha sottolineato come «l’HMP Festival sia l’unica realtà di respiro internazionale che al momento riguarda Salerno». E ha aggiunto: «Io faccio parte di una generazione di “musicanti” che è cresciuta prendendo parte alle tante rassegne che prima venivano organizzate in città e che ora sono scomparse. Mancano i posti dove suonare e, per questo, mancano anche i posti dove creare. Grazie al Comune di Pellezzano e allo spazio che ha offerto a questa manifestazione, il nostro territorio torna ad acquistare una dignità musicale».

Quattro, quindi, le date in programma, che verranno inaugurate, come da tradizione, da una serata tutta all’insegna della solidarietà.
Il 21 luglio, infatti, a calcare per primi il palco dell’HMP Festival 2016 saranno cinque band locali che si esibiranno per raccogliere fondi da destinare alla Mensa San Francesco, da anni ormai in prima linea accanto agli ultimi della città, e dell’associazione Nove Onlus. Ad aprire la serata sarà il Simonis & Spista Duo; poi seguiranno i Bonloco; poi sarà la volta dei Dia Libre. Chiuderanno la serata i Provincials, band capitanata da Rosario Memoli, e i Bidons reduci dal recente successo di “Clamarama”, ultimo disco della band fondata da Albino Cibelli.
22 luglio – ore 22:00 Bugge Wesseltoft
Tra i più importanti nomi del pianismo contemporaneo, compositore sperimentale e pioniere del nu-jazz da anni, il norvegese Bugge Wesseltoft presenterà all’HMP 2016 il progetto del quale quest’anno ricorre il ventennale, “New Conception Of Jazz” 1996 – 2016. Nel 1990 il jazz di Wesseltoft ha subito un’evoluzione passando dalle tradizioni del jazz nordico (esemplificate dalle incisioni della casa discografica ECM), a una musica che viene più comunemente chiamata “future jazz” o nu jazz, appunto. Ha suonato con Jan Garbarek arrivando a diventare produttore di se stesso con l’etichetta musicale da lui fondata, la Jazzland Records. L’evento è stato organizzato in collaborazione con l’associazione “Scene Contemporanee” presieduta da Franco Cappuccio.
28 luglio, ore 22:00 Orlando Julius & the Heliocentrics
Orlando Julius è uno degli eroi della musica nigeriana. Sassofonista, cantante e compositore, ha iniziato la propria attività negli anni ’60, fondendo influenze africane, il tradizionale Higlife nigeriano, con R&B, soul e funky. Il suo album “Super Afro Soul” del ’66 è stato modello per un’intera generazione di Afrobeat e di stelle afro funk, tra cui Fela Kuti. Nella sua illustre carriera, Julus ha suonato con Louis Armstrong, The Crusaders, Hugh Masekela e Lamont Dozier, tra gli altri, oltre a co-comporre il classico “Going Back To My Roots” nel 1979, mentre viveva negli Usa insieme alla sua band Modern Aces. Ancora in grande forma, per un travolgente live, sarà accompagnato dai londinesi the Heliocentrics, band psyco-afro-funk che ha collaborato fra gli altri con Mulatu Astatke. Nel 2015, la sua performance con gli Heliocentrics, ha chiuso l’edizione di Umbria Jazz.
29 luglio, ore 22:00 Andreya Triana
Andreya Triana è una cantautrice britannica cresciuta professionalmente a Londra. È presto volata in cima alle classifiche dei dischi di etichette indipendenti in Inghilterra arrivando a esibirsi anche a Glastonbury e al Bestival e a collaborare con artisti come Bonobo e Flying Lotus. La BBC ha scelto Gold tra le sue canzoni per lo spot di presentazione dei suoi programmi per la stagione autunno/inverno 2015. Il suo esordio risale al 2010 con l’album “Lost where I belong”, pubblicato su Ninja Tune e prodotto da Bonobo. Il suo secondo album, “Giants”, è stato pubblicato il 4 maggio 2015 e prodotto da Matt Hales. Nel novembre 2015 ha registrato una traccia, Branches of Life, che ha inserito nell’album “Body of songs” caratterizzato da nuove sonorità basate su interpretazioni di diversi organi del corpo. Il prossimo 11 settembre Andreya Triana sarà sul palco con Elton John e altri artisti di fama internazionale per il BBC Radio 2 Live in Hyde Park 2016.

Prezzi: Bugge Wesseltoft, euro 15; Orlando Julius & the Heliocentrics, euro 18; Andreya Triana, euro 15. È possibile acquistare un abbonamento alle tre serate al costo di 40 euro. Per la prima serata di beneficenza è prevista una sottoscrizione minima di 10 euro.
I biglietti possono essere acquistati nel negozio di musica Disclan, piazza Portanova, 23, Salerno, e online sul sito www.postoriservato.it

Commenti

I commenti sono disabilitati.