Taste - Sapori Mediterranei

Angri, si presenta in caserma: “Arrestatemi, non voglio più fare uso di droga”

Il 32enne si è presentato ai carabinieri, chiedendo aiuto, ha dichiarato di possedere droga in casa, di spacciarla e di farne uso

Federica D'Ambro

“Sono settimane che ho deciso di riprendere a spacciare coca e crack – ha detto – e per i guadagni che ho fatto, ho ripreso anche a farne uso. In grosse quantità, ma non sto bene in termini di salute. Voglio disintossicarmi”
“Arrestatemi, non voglio più fare uso di droga”. Queste la parole di un 32enne, pregiudicato, che all’incirca due giorni fa si è presentato alla caserma dei carabinieri di Angri per farsi arrestare. L’uomo, in caserma, ha dichiarato di possedere droga in casa, di spacciarla e di farne uso. Ha anche deciso di smettere. Padre di famiglia, con cinque figli, e una ex moglie, il 32enne ha deciso che l’unico modo per salvarsi e salvare la sua famiglia era costituirsi alla legge.

I carabinieri, prendendo per buono quanto riferito da quella persona, hanno deciso a quel punto di eseguire una perquisizione domiciliare in casa sua. Nell’appartamento gli hanno trovato diciotto dosi di crack e sette di cocaina nascoste in un pacchetto di sigarette e in un portadocumenti. Come rivelato anche dal sito SalernoToday, alla richiesta di fornire indicazioni su dove si rifornisse, l’uomo ha spiegato di prenderlo a Boscoreale, ai confini con Scafati, senza aggiungere altro. Ai militari ha anche spiegato come si riforniva e a quanto vendeva le sue dosi.
“Mia moglie vuole che smetta, altrimenti mi abbandonerà- continua il 32enne- La scorsa notte ho assunto diverse dosi di crack e, all’improvviso, ho notato che perdevo sangue dal naso. Mi sono sentito male”. Al termine dell’arresto e convalida del fermo, il giudice ha fissato udienza per la sentenza il prossimo 15 marzo.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.