Taste - Sapori Mediterranei

Vertice con il sindaco: “A Salerno chiesta la riapertura immediata della scuola”

Incontro tra il coordinamento Scuole Aperte Salerno e il primo cittadino Enzo Napoli nel pomeriggio di ieri

categoria cronaca

 

La Nota

Una delegazione del Coordinamento Scuole Aperte, rappresentativa di docenti genitori e studenti, sabato 24 ottobre è stata ricevuta dal Sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli. In apertura dell’incontro la delegazione ha anzitutto sottolineato con fermezza l’impossibilità di considerare la scuola sempre e comunque come un problema e mai come una risorsa da difendere.
L’attenzione si è poi spostata sulla situazione salernitana: come dichiarato dallo stesso Sindaco Napoli nell’intervento pubblicato sui social il 22 ottobre, la diffusione del Covid nella nostra città è sotto controllo, i contagi crescono in forma moderata e non vi è alcuna situazione di criticità. Pur consapevoli della assoluta necessità di non abbassare la guardia e di rimanere rigorosamente ligi al rispetto delle misure di contrasto alla diffusione del contagio, non si riesce a giustificare in alcun modo la chiusura indiscriminata in città delle scuole di ogni ordine e grado.
Il Coordinamento ha avanzato al Sindaco una richiesta precisa e circostanziata: prendere una posizione sulla sua città, che non può subire decisioni dettate da un’emergenza presente in alcune specifiche zone del territorio regionale, ma come era facilmente prevedibile il Sindaco Napoli si è schierato dalla parte di De Luca rivendicando il suo totale accordo con la decisione presa sulla chiusura delle Scuole salernitane.
Nel ricordare al Sindaco e a tutta la classe politica che il Mondo della Scuola ha determinato la fortuna e soprattutto la sconfitta elettorale dei precedenti Governi nazionali e locali, CHIEDIAMO la riapertura immediata delle Scuole a partire della scuola primaria, dove più che mai la didattica a distanza è un’aberrazione didattica ed educativa, ricordando anche che la scuola in Campania è stata l’ultima ad aprire e la prima a chiudere. Ad oggi, i nostri bambini hanno già perso un mese di scuola, di socialità, di relazione con l’altro che nessuno potrà mai restituire loro.
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.