Taste - Sapori Mediterranei

Vertenza Asl: salta il vertice in Regione, sindacalisti infuriati

"La lotta ora si farà più dura e si estenderà a tutte le aziende sanitarie" le parole di Pietro Antonacchio della Cisl

Il perdurare dello stato di agitazione dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali ha fatto sì che il sub commissario ad Acta per l’attuazione del piano di rientro sanitario della Regione Campania, Ettore Cinque, annunciasse poche ore prima dell’incontro il differimento dello stesso. Uno stop al confronto, in cui doveva esserci anche il commissario dell’Asl di Salerno Postiglione, e dove si sarebbe discusso proprio dei problemi elencati da giorni nell’occupazione dei sindacalisti presso l’azienda sanitaria locale di via Nizza. Si sarebbe parlato anche dei fondi della contrattazione integrativa aziendale, degli standard di personale e dotazioni organiche, così come della stabilizzazione dei precari.

“Grave scorrettezza del Commissario ad Acta della Regione Campania a dimostrazione dell’attuale inesistente governo del settore sanitario – ha dichiarato Pietro Antonacchio della Cisl – La Campania è una regione “ingovernabile” e allo stato “ingovernata”. Come sempre suol dirsi al peggio non c’è mai fine. La lotta per la vertenza in atto nell’Asl Salerno si farà più dura e si estenderà a tutte le aziende sanitarie, poiché l’atteggiamento assunto dall’attuale governo regionale mostra una arroganza senza eguali. A breve con ogni probabilità sarà attivato lo stato di agitazione in tutta la regione, In considerazione che il differimento della riunione è uno schiaffo cui nessuno può sottrarsi dall’accettare la sfida”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.