Ventura:”A Trapani per riscattarci”

"Con il Benevento abbiamo fatto un piccolo passo indietro, giocarcela a Trapani per fare un grande passo in avanti"

Francesco Saggese

Questa mattina presso la sala stampa dello stadio Arechi di Salerno, si è svolta la conferenza di mister Ventura in vista della prossima partita della Salernitana, che sarà ospitata a Trapani.
Le prime dichiarazioni sono riferite allo scorso match casalingo che ha visto la Salernitana sconfitta per il risultato di 0-2.

“La delusione contro il Benevento non è dovuta alla sconfitta in se per se, ma al rammarico per quello che avremmo potuto fare, però non cambia la mia opinione in quanto avevamo difronte una squadra molto importante, basti pensare alle personalità all’interno della rosa, composta da grandi nomi, perciò oltre alla qualità c’era anche la personalità, ma io ho visto le cose in maniera dettagliata, anche i miei giocatori hanno preso coscienza di quello che è successo, e ci sono molti più meriti che demeriti, nessuno glieli toglie, ma molto cose potevamo farli in maniera migliore”.

Riguardo gli infortunati aggiunge:”Abbiamo molti infortunati, tra cui Jallow, Billong e Akpa, e con la rosa che abbiamo a disposizione, questo va ad intaccare un attimino con le partite. Noi viaggiamo per questo direzione, ma poi è normale che il risultato è importante, e per quanto riguarda noi, dobbiamo vedere le cose in maniere completamente diversa, perché a volte un piccolo passo indietro fa fare un grande passo in avanti”.

“Lombardi ha ricominciato a lavorare, Heurtaux piano piano può ricominciare a spingere, mentre Akpa oggi aveva la risonanza. Riguardo a Jallow la botta che ha avuto, se rimane un piccolo problema tra massimo una settimana si può recuperare, mentre Mantovani è quello che ha i tempi più lunghi”.

“Questa è la squadra più giovane del campionato, ora tutti quelli che in futuro dovessero arrivare, sarà più facile inserirsi, e il nostro problema anzi meglio, il nostro obiettivo e di avere la consapevolezza di aver fatto meno 5% domenica, ma fare 15% alla prossima”.

Conclude:”Io non sono stato scontento della prestazione col Benevento, ma sono stato scontento di quello che abbiamo fatto col Benevento, e il mio rammarico è riferito a questo. Poi riguardo il Trapani leggo da molte parti che hanno giocato in un modo e adesso non so quale sia il loro schema. La partita col Pescara, è stata semplice, non perché il Pescara non fosse un buona squadra, ma perché siamo stati noi a farla diventare semplice”.

“In serie B, non ha molta importanza chi incontri, ma ha molta più importanza quello che fai tu, ho dato l’esempio con il Pescara, contro di noi sembrava una squadretta, ma di fondo è una delle più forti”.

Commenti

I commenti sono disabilitati.