Pizzeria Betra Salerno

Di Vaio da tifoso: “Salernitana meno forte rispetto all’anno scorso”

L'ex bomber granata ricorda quel match al Tardini in serie A e parla anche del presente: "Rodriguez e Bocalon? Gli serve continuità"

“Quella partita col Parma? Non la prendemmo mai”. Comincia così l’intervista su il quotidiano Il Mattino di Alfonso Maria Avagliano a Marco Di Vaio, oggi in edicola, l’ex bomber granata racconta e si racconta, da doppio ex di Parma e Salernitana, le sue emozioni per la prossima sfida di venerdì. Comincia proprio da quel precedente in serie A: “Fu dura andare da neopromossa in uno stadio importante contro una squadra incredibile che a fine stagione avrebbe vinto Coppa Uefa e Coppa Italia. Facemmo fatica ma al ritorno fu diverso, anche se perdemmo ugualmente”. Poi parla dei gol in maglia granata: “Sono tutti indelebili. L’anno successivo segnai più nella seconda parte, ne feci di importanti per me, purtroppo poco per la squadra. Quello con la Juve davanti a 40mila persone fa venire ancora i brividi”. Marco Di Vaio analizza anche il match di venerdì: “In B la storia non basta, servono sostanza, passione, giocatori. La Salernitana ha una buona squadra ma forse l’anno scorso aveva qualcosa di meglio. Può fare un campionato di media classifica. Il Parma ha cambiato tanto ma ha qualità in mezzo al campo, credo possa agguantare i playoff. A Rodriguez e Bocalon servirà continuità. Lo spagnolo ha fatto una bella doppietta ma, per ora, quel che c’era l’anno passato garantiva più certezze. Le partenze di Coda e Donnarumma pesano. D’altra parte il Parma ha gente di comprovata esperienza e affidabilità”. Poi sul pubblico e sulla situazione in casa granata: “I miei anni sono stati unici ed è difficile paragonarli all’attualità. C’è poca fiducia, tuttavia Lotito ha fatto cose egregie: anche a Roma non è amato ma ha salvato la Lazio dal fallimento e l’ha riportata in Europa. Però la tifoseria s’aspetta sempre quel passo in più”.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.