Scarpe per bambini - Millepiedi

Una poesia per il maestro Antonello De Rosa

Versi in prosa recitati dal terrazzo artistico e panoramico del regista salernitano

Pasquale Petrosino

Una serata in party per festeggiare un’estate intensa e piena di trionfi quella del regista teatrale Antonello De Rosa che sabato sera dalla sua casa museo con terrazzo artistico e panoramico sulla costiera salernitana ha animato la notte della città. Musica,danza e buon vino, fatto arrivare direttamente dalla Sicilia per l’occasione, hanno dato vita ad una serata dedicata al regista ed il suo Teatro. Per l’occasione è stata scritta una poesia, dal prof. Renato Rescigno, che ha omaggiato in versi partenopei il lavoro del regista.

“Su questo terrazzo” ha affermato De Rosa “ci sono dei progetti culturali che partiranno da aprile prossimo, visto l’interesse artistico del luogo, molti sono gli artisti che mi hanno chiesto di aprire questo terrazzo ad eventi culturali”. Di seguito la poesia dedicata al maestro Antonello De Rosa.

“Signori, per cortesia, un po’ di attenzione, vorrei condividere con voi una considerazione. Scusate se non ho chiesto il ermesso alla vostra signoria, ma haggio scritto ‘sti vierze, a nome mio e di tutt”a cumpagnia. Un altro anno di Scena Teatro, chianu chiano s’è completato e pe’ mme, ch’è stata ‘a primma vota, overo m’ha ‘mpressiunato.

Haggio avuto modo e cunoscere tanti belli perzone ca ‘o còre mio, s’è cunzulato cu’ tanta emozione.Ma quacche parola ‘e cchiù la voglio dedicare a chi, questa banda,è preposto a comandare. Ha messo la sua vita nelle “mani” del teatro e, del resto, chi nasce tunno nun po’ murì quadrato.

‘A capa soja è sempe attiva e maje s’arreposa ovviamente sto parlanno d”o Maestro Antonello De Rosa. Regista visionario, eclettico ed istrionico attore, int’a tuttu chella che ffà’ ce mette ammore. Comme a nu’ camaleonte subbeto in altro si trasforma e dinto a nniente, nu’ personaggio ‘o plasma e se cunfronta.

Cu’ Jennifer te porta int’a nu’ munno ‘e solitudine e dulore, cu’ Tracce di mamma, invece, int’a pazzia dell’ammore.Di questo animo sensibile s’annammorano tuttu quante,e dinto ’e pirsunagge, ognuno d’’o suoje ne trove nu’ tante, P’isso gli allievi, seppur diversi, so’ sempe eguale…nun fa sconte a nisciuno e tratta tutti alla pari.Ma nun so’ sempe sciure e oli profumati …si s’arraggia, t’arravoglia cu ‘e ccazziate.

Dint’a stì mumente nun penza al linguaggio di solito forbito e ccaccia fora cierti pparole dal tono…dicimmo…colorito.Ma comme a nu’ marenaro ca pe’ ffatica pensa ‘a rezza, s’avvicina, te guarda, e cu nu’surriso te fa’ ‘na carezza.

Pe’ essere ‘n’ommo, sentite a mme, nun ce vonne sulo ‘e ppalle,ce vo’ pure ‘o curaggio ‘e purtà ‘na vita ‘ncopp’ ’e spalle.Ed il maestro ‘ncopp’’e spalle tanti ccose s’è caricato,e s”e pporta appriesso ògne ghiuorno, maje s’è chiejato. Quanti mmaschere ce mettimmo è overo, Antonello,ma ‘a nòsta, chella originale, rimane sempe ‘a cchiu’ bella.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.