Scarpe per bambini - Millepiedi

Un “Cristo finanziario” nelle dinamiche vaticane del Giudizio Universale

"Ho visto satana in Vaticano!" l’inchiesta di Gianluigi Nuzzi

Pasquale Petrosino

A4392AE9-15E4-4580-A54D-5D6088CF7775

La Recensione

Un’ulteriore inchiesta, sulle ombre dell’impero più scuro di sempre, quello Vaticano, scritta di pugno dal giornalista Gianluigi Nuzzi e trascritta nel suo ultimo libro, Giudizio Universale, già a ruba nelle librerie italiane. Secondo l’inchiesta di Nuzzi, con tanto di documentazione a supporto, la chiesa rischia un default finanziario, mancano i soldi, enormi voragini nei bilanci, un enorme crollo nelle offerte che mina la stabilità dell’impero vaticano. Se da un lato però esiste un eminente pericolo di default, dall’altro ci sono i privilegi riservati a cardinali e privati di potere che godono di agevolazioni del tutto straordinarie, è senz’altro il caso dei mega appartamenti in concessione, a cardinali, con vista direttamente su piazza San Pietro, così come conti correnti all’ interno della banca più potente e meno controllata del mondo, la banca Vaticana, che sembra avere conti correnti ed azioni paralleli. Nuzzi getta luce su queste ombre oscure che avvolgono il regno Vaticano, regno che dovrebbe essere retto da quella parola di vita che nulla ha a che vedere con conti correnti, appartamenti e privilegi di cui dovrebbe tenersi lontana. Conti correnti di associazioni ecclesiali con saldi da capogiro , così come quelli aperti da uomini politici ed influenti e cardinali, all’interno del Vaticano, forse per fuggire da controlli di legge a cui tutto il resto del mondo è soggetto. Fra conti correnti con saldi positivi di milioni di euro intestati a persone fisiche, “Oboli di san Pietro” che mai arrivano ai più bisognosi, intrecci di potere vaticano, cardinali con mega appartamenti arriva anche,alla pagina 127 la figura di Monsignor 500, Nunzio Scarano, intervistato, dal giornalista, nel suo appartamento salernitano con vista direttamente sulla torre normanna, il campanile del duomo di Salerno. Appartamento di lusso, tappeti eleganti e parquet tirato a lucido, quadri prestigiosi alle pareti, mobili antichi, madonne e foto di papi costituiscono il regno di Scarano. L’ex monsignore “folgorato sulla via di Damasco” nel 1986 diviene l’uomo più potente del Vaticano. La sua ascesa ai vertici ecclesiali è rapidissima, su indicazione dell’amico, Gerardo Pierro, ex arcivescovo di Salerno, nel 1992 arriva ai palazzi sacri,raggiungendo i vertici dell’APSA ( Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica), assume il ruolo di contabile per 23 anni alla Banca Centrale del Vaticano, insomma una vera potenza finanziaria, potenza interrotta nel 2013 quando fu arrestato su disposizione della Procura di Roma per corruzione e su disposizione sella Procura di Salerno per riciclaggio, ricordiamo condannato in appello a 3 anni per corruzione e calunnia nel febbraio 2019. Appare mite nella interrogazione giornalistica di Nuzzi, “ Dio mi ha tolto da quella tana di briganti per rendermi giustizia, altrimenti sarei finito nelle mani di satana” afferma Scarano. “ nessuno ha voluto ascoltarmi, non sono mica come monsignor Calcagno che colleziona armi…” Con Questo libro Nuzzi offre possibilità al lettore di rendersi conto del marciume che gira intorno al Vaticano e ai suoi uomini, certo non di tutti per fortuna, ma solo di quella schiera che ha preferito al Vangelo e agli ultimi gli agi di una vita fatta di soldi e mattoni.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.