Taste - Sapori Mediterranei

Turismo in Campania, D’Avenia: “Rilanciamo economia locale attraverso le nostre bellezze”

L’approssimarsi dell’estate pone inevitabilmente dinanzi ad un bivio tortuoso creatosi dal Covid-19: la riapertura del turismo. Il turismo, come si puo’ facilmente immaginare, è infatti il settore con i maggiori danni economici per effetto della pandemia. Tutta la filiera, dalla ricettività alla ristorazione, dai tour operator e agenzie di viaggio ai servizi di balneazione, ha avuto un lungo blocco e, secondo la ricerca del Centro Studi Turistici per Assoturismo, l’emergenza porterà a chiudere l’anno con una riduzione delle presenze di oltre 260 milioni (60%) rispetto allo scorso anno.

Per il New York Times è la Campania una delle mete ideali per le vacanze Covid Free, ovvero tra i luoghi più sicuri dove trascorrere questa estate 2020. Un segnale indubbiamente importante per la ripartenza dopo mesi di lockdown che rappresenta un’occasione volta alla rivalutazione del proprio territorio in cui venga favorito il c.d. turismo di prossimità che promuoverà la riscoperta di località e meraviglie a km 0 e contribuirà alla ripresa dell’intero tessuto economico della regione.

«Le bellezze naturalistiche del nostro territorio sono il vero motore per il rilancio dell’economia locale che ha subito un notevole stop nel periodo Covid-19. Oggi siamo chiamati ad agire in prima linea nell’aiuto del settore turistico scegliendo di trascorrere le prossime vacanze estive nei luoghi incantevoli presenti in regione. Il modo più concreto per farlo è promuovere un turismo di “prossimità” che porti utenti nelle nostre vallate, nei nostri borghi e nei piccoli centri anche alla scoperta di nuove realtà che forse non ci siamo mai accorti di avere vicino casa. In questo modo, l’artigianato locale, la ristorazione, le attività alberghiere ed extra alberghiere, potranno aggiungere, a quanto già ricevuto dalla Regione Campania come sostegno economico, altra liquidità che garantirà un lavoro sicuro a molti giovani e alle famiglie finora duramente penalizzate dal blocco del settore dell’ospitalità anche a causa dei ritardi di erogazione degli ammortizzatori sociali previsti dal decreto Salva Italia». Spiega Giovanni D’Avenia, Vice Segretario regionale Centro Democratico.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.