Taste - Sapori mediterranei

Fuorni, trovato morto in cella Ivan Gentile: s’indaga sulle cause della morte

Secondo il medico legale Ivan Gentile sarebbe morto a causa di un infarto, i familiari hanno dichiarato che la vittima lamentava da tre giorni fitte al petto ma nulla sarebbe stato fatto per rimediare a quei dolori

Federica D'Ambro

il 43enne Ivan Gentile è stato trovato cadavere nella sua cella a Fuorni. L’allarme è scattato questa mattina poco dopo le 8, quando gli agenti della polizia penitenziaria si sono accorti che l’uomo non respirava più.
Ivan Gentile, originario di Agerola, era finito all’interno del carcere di Fuorni per una serie di piccoli reati. Il suo avvocato difensivo aveva anche ottenuto il trasferimento in una comunità terapeutica, ma per mancanza di fondi da parte del Sert è rimasto nella sua cella. Da quella sua cella, però, non è mai uscito. Seconda una prima indagine del medico legale, la causa del decesso sembrerebbe un infarto. Non ci sono segni di violenza sul suo corpo. Come rivelato dai quotidiani Metropolis e Il Mattino, i familiari di Ivan Gentile hanno dichiarato che il 43enne, lamentava fitte al petto da tre giorni ma nulla sarebbe stato fatto per rimediare a quei lancinanti dolori. Ieri mattina l’infarto letale in cella. La famiglia si è affidata all’avvocato Stefania Pierro che questa mattina si presenterà in Procura per un esposto e per chiedere anche un esame peritale necessario ad accertare le cause esatte che hanno portato l’uomo al decesso.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.