No Signal Service

Trequarti da ridisegnare, Ventura prende le misure della “nuova Salernitana”

Sarà un 3-4-3 con fantasia e gambe, Cicerelli e Kiyine in pole sugli esterni, a sinistra c'è anche Lopez

Le cinque sostituzioni, ora più che mai sono un toccasana, così come le scelte dalla trequarti a salire, lo starà pensando Giampiero Ventura che prepara il match di sabato 20 giugno quando la Salernitana toccherà di nuovo il verde prato dell’Arechi per riprendere un “percorso di ricostruzione” come lo ha definito il tecnico ligure. Alle spalle i problemi Alessandro Micai ha già messo i guantoni e si prepara a coprire lo specchio dalle minacce nerazzurre, davanti a lui dovrebbero esserci, in sequenza da destra a sinistra: Aya, Migliorini e Jaroszynski.

WE3_9588

 

L’ex di turno, Ramzi Aya, potrebbe partire da titolare sul centrodestra, più alta la sua percentuale rispetto a Heurtaux che sta sempre lavorando per conquistare un posto in retroguardia ma il romano è in vantaggio per condizione atletica. Al centro dovrebbe essere confermato Marco Migliorini mentre a sinistra il polacco ha chance maggiori rispetto a Lopez, a meno che l’uruguaiano non lasci spazio a qualcuno sul versante sinistro. Sono proprio i ballottaggi a decidere ogni sequenza, sia a destra che a sinistra, dove ai nastri ci sono Cicerelli e proprio Walter Lopez. In un ipotetico 3-4-3 ci sarebbe spazio anche per Cristiano Lombardi anche se pare è difficile immaginare che Ventura lo schieri da subito.

WE3_2238

 

A centrocampo, in linea, due posti per tre, forse quattro, considerando anche Maistro, in pole partono Akpa Akpro e Dziczek, pronto a subentrare Di Tacchio e l’alternativa potrebbe essere proprio l’impiego dell’ex Rieti, immaginando anche un ingresso dietro le punte. A sinistra il posto è di Kiyine, meglio con Lopez dietro per assicurare maggior copertura sul versante mancino, in avanti Milan Djuric. Il gigante di Tuzla vuole ripartire così come ha chiuso, da indispensabile per la squadra di Ventura. A gara in corso potrebbe esserci spazio anche per Alessio Cerci, giocherebbe proprio al fianco del bosniaco in un cambio di modulo ma farà tutto parte di una valutazione legata al risultato e alla gara.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.