Taste - Sapori Mediterranei

Trasporti ortofrutticoli e rifiuti, ecco i “nuovi affari” della camorra nel Cilento

A dirlo è il procuratore generale distrettuale Leonida Primicerio in un documento inserito nelle relazione semestrale dell’Antimafia nazionale

Federica D'Ambro

Trasporto su gomma dei prodotti agricoli, ciclo dei rifiuti e mercato del pesce. Sarebbero questi i “nuovi affari” della malavita organizzata nel basso Cilento. A dirlo è il procuratore generale distrettuale Leonida Primicerio in un documento inserito nelle relazione semestrale dell’Antimafia nazionale. La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Mattino questa mattina in edicola.

Secondo la procura generale presso la Corte d’Appello di Salerno, la presenza della camorra sul territorio si nota con l’incremento degli investimenti di danaro di provenienza illecita.
“Spesso – si legge nella nota – si tratta di investimenti in attività imprenditoriali e commerciali apparentemente gestite da persone immuni da precedenti penali gravi, ma legate di fatto a noti ed importanti pregiudicati che probabilmente negli anni hanno accumulato fortune che oggi stanno investendo in vari settori tramite una rete di persone compiacenti, compresi, molto probabilmente, professionisti e pubblici amministratori”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.