Taste - Sapori Mediterranei

“Trasferimento della caserma Pisacane dal convento di San Domenico”

La petizione dell'associazione Arcan

“Il convento di San Domenico è stato uno dei maggiori luoghi di interesse culturale e religioso per la città di Salerno sin dalla sua nascita, che si riconduce a cavallo tra il 1200 e il 1300″. Si legge nella petizione.

“Il Monastero godette di grande prestigio ed è noto per aver ospitato San Tommaso d’Aquino ed essere stato un centro culturale di grande importanza. Nel XIII secolo fu sede dell’Accademia dei Concordi, nel XVI e XVII secolo ospitò l’Accademia dei Rozzi (letterati) e nel XVIII secolo quella degli Irrequieti (matematici).

Riveste, ancora oggi, grande interesse la la costruzione del chiostro grande del convento, le cui notizie a riguardo ci giungono grazie ai rilievi realizzati da Heinrich Wilhelm Schulz nell’800. La bellezza delle arcate che caratterizzavano il chiostro era di tale portata che Emile Bertaux definì “unico al mondo” l’insieme dei chiostri di Amalfi, Ravello e Salerno.

A partire dal 1807 il convento subì le sorti che toccarono a tante altre strutture religiose e fu soppresso per essere riconvertito a funzioni civili: ancora oggi è sede della caserma Pisacane. Una soluzione al giorno d’oggi ancora più inadeguata sia perché mortifica la bellezza di un luogo di altissimo pregio storico e architettonico, sia perché non può garantire piena operatività ad una caserma militare che necessiterebbe di una struttura moderna e funzionale.

Chiediamo, pertanto, sul modello di quanto già fatto con altre realtà italiane, di promuovere un protocollo d’Intesa tra gli enti coinvolti per il trasferimento del bene nelle disponibilità del Comune o della Regione per restaurarlo e riconvertirlo a funzioni più adeguate e fruibili liberamente dal pubblico (Museo, Biblioteca, Casa dell’Architettura) e individuare una sede alternativa per la Caserma Pisacane”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.