Pizzeria Betra Salerno

Tra tattica e motivazioni, tornano Kiyine e Di Tacchio, Jaro a sinistra nel 4-4-2?

Doppia seduta per gli uomini di Ventura in vista del match di sabato contro il Cosenza. I calabresi devono smaltire rabbia e delusione per il derby perso in casa contro il Crotone. Annullata una rete regolare agli uomini di Braglia, un pallone andato oltre la linea di porta ma non visto dal direttore di gara.

DFR19735
Doppia seduta per gli uomini di Ventura in vista del match di sabato contro il Cosenza. I calabresi devono smaltire rabbia e delusione per il derby perso in casa contro il Crotone. Annullata una rete regolare agli uomini di Braglia, un pallone andato oltre la linea di porta ma non visto dal direttore di gara. Un errore importante, per giunta in un derby tra le due squadra calabresi sempre molto sentito. Nonostante le grandi proteste solo un ammonito tra i lupi, l’ex Legittimo completa il reparto con un altro ex granata: Salvatore Monaco. Il 3-5-2 di Braglia è pronto a prendersi la rivincita a Salerno ma non sarà dello stesso avviso Gian Piero Ventura che, in settimana, prepara valutazioni particolari proprio sul modulo. Ancora non ufficializzati i due arrivi, Aya e Felipe Curcio, il tecnico ligure potrebbe riproporre lo schieramento presentato all’Adriatico. Sullo stesso versante nel 4-4-2 c’erano Cicerelli e Lombardi, sicuramente salterà la sfida con il Cosenza l’ex Foggia, causa un brutto colpo subito da un intervento di Busellato nella prima frazione di gioco. A sinistra hanno giocato Maistro e Lopez, stessa discorso per l’uruguagio, una distrazione muscolare dovrebbe tenerlo fuori dal campo e allora il rientro di Karo permetterebbe a Jaroszynski di spostarsi sulla sinistra. Altro discorso da fare per quanto riguarda il lato destro. A centrocampo poi rientrerà Kiyine, così come Di Tacchio, anche se in questo momento sembra davvero difficile rinunciare alla coppia Akpa Akpro-Dziczek che ha dimostrato di tenere botta in mediana, garantendo anche qualità. In avanti saranno confermati Gondo e Djuric, la “strana coppia” si muove bene, uno beneficia dei movimenti dell’altro, struttura che al momento soddisfa Ventura.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.