Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Totoallenatore, le varie situazioni di tutte le squadre di Serie B

Per conoscere il nome del nuovo tecnico dei granata si dovranno aspettare gli sviluppi sulla panchina della Lazio: se arriva Bielsa a Roma, Simone Inzaghi sbarca a Salerno

admin

Anche se i motori della serie B 2016/2017 devono ancora essere scaldati, inizia a farsi calda l’estate sulle panchine delle squadre della serie cadetta. Mentre il mercato dei calciatori stenta ad ingranare, si sta iniziando a delineare il quadro definitivo dei coach che siederanno sulle panchine al fischio d’inizio della stazione. Infatti, sono già 14 su 22 le squadre che hanno scelto a chi affidare le chiavi dello spogliatoio per raggiungere i vari obbiettivi, dalla promozione alla salvezza. Di seguito ecco riportato l’elenco delle squadre e le rispettive situazioni in panchina:

ASCOLI In casa marchigiana ci sarà una vera e propria rivoluzione. Nella conferenza stampa di ieri, Bellini ha annunciato che non sarà più il presidente ma rimarrà comunque patron dell’Ascoli. Cardinaletti assolverà tutte le funzioni, mentre per direttore sportivo e allenatore bisognerà attendere ancora qualche giorno. Per il primo ruolo, è in pole position l’ex Udinese Cristiano Giarretta, con Aglietti al momento favorito su Bosi.

AVELLINO: Per quanto riguarda gli irpini, è già cominciata l’era Toscano. L’ex mister della Ternana è subentrato ad Attilio Tesser.

BARI: Per i galletti non è ancora tempo di pensare alla questione allenatore (anche se sulla lista ci sono Stellone e Colantuono, con quest’ultimo in netto vantaggio). C’è prima da risolvere la questione iscrizione; i galletti, insieme al Brescia, al momento rischiano di non essere presenti ai nastri di partenza del prossimo campionato.

BENEVENTO: I sanniti, alla prima storica apparizione in B, hanno clamorosamente perso Auteri. Il tecnico siciliano infatti ha chiesto ed ottenuto la rescissione.

BRESCIA: Vale lo stesso discorso fatto per il Bari. Le rondinelle, devono prima di tutto risolvere i problemi a livello societario. Da segnalare comunque che Boscaglia è sempre più vicino al Novara.

CARPI: Gli emiliani, dopo la retrocessione, hanno deciso di ripartire sempre da Fabrizio Castori. L’allenatore della storica promozione in A, ha rinnovato fino al 2017 con opzione per un’altra stagione.

CESENA: La panchina dei bianconeri è una delle sei riconfermate. Alla guida dei romagnoli resta Massimo Drago, che dopo l’ottima stagione comunque disputata (i bianconeri sono usciti ai quarti play-off con lo Spezia) ha rinnovato per altre due stagioni.

CITTADELLA: Si è scelta la continuità anche per quanto riguarda i veneti. Dopo la promozione conquistata, Roberto Venturato avrà il compito di cercare la salvezza.

FROSINONE: È Pasquale Marino l’erede di Roberto Stellone. Il presidente Stirpe, per tentare una pronta risalita in massima serie, si è affidato all’ex mister del Vicenza.

HELLAS VERONA: Gli scaligeri hanno affidato a Fabio Pecchia il compito di ritornare immediatamente in Serie A. Per l’ex centrocampista del Napoli sarà la prima esperienza da mister in prima persona, dopo tre anni da vice di Rafa Benitez.

LATINA: Dopo una stagione abbastanza tribolata, e con quattro allenatori esonerati, i pontini ripartono da Vincenzo Vivarini. L’ex Teramo arriva finalmente in cadetteria dopo che la giustizia sportiva aveva cancellato la promozione degli abruzzesi.

NOVARA: A Marco Baroni non è bastato nemmeno l’accesso ai play-off per restare ancora alla guida dei piemontesi. Al suo posto probabilmente arriverà Boscaglia, sempre più lontano dal Brescia.

PERUGIA: Salutato Bisoli, sulla panchina del Grifone dovrebbe arrivare Cristian Bucchi, in procinto di rescindere il suo legame con la Maceratese.

PISA: Nonostante abbia riportato in B i toscani, Gattuso è sempre più lontano da Pisa. Il presidente Petroni sembra intenzionato a far ritornare in Italia Zdenek Zeman.

PRO VERCELLI: Archiviata l’era Foscarini, si riparte da Moreno Longo, ex tecnico della Primavera del Torino.

SALERNITANA: Tutto ruota intorno al nome del prossimo allenatore della Lazio. Se Lotio riuscirà nell’impresa di convincere il “loco” Bielsa, all’ombra dell’Arechi arriverà Simone Inzaghi. Difficile, se non impossibile, la riconferma di Menichini.

SPAL: Per gli spallini, al ritorno in B dopo 23 anni, vale lo stesso discorso fatto per il Cittadella. Leonardo Semplici sarà il condottiero anche nella prossima stagione.

SPEZIA: Nessun dubbio in casa spezzina: a guidare le aquile, dopo il grande lavoro svolto, ci sarà nuovamente Domenico Di Carlo.

TERNANA: Regna incertezza in casa umbra. Per la successione di Breda, c’è il ballottaggio Gautieri-D’Aversa. Il primo è in leggero vantaggio al momento.

TRAPANI: Dopo aver sfiorato l’impresa, Serse Cosmi dovrebbe essere nuovamente il condottiero dei siciliani.

VICENZA: Altra panchina molto tranquilla: Lerda, dopo aver centrato la salvezza, ha rinnovato per altri due anni.

VIRTUS ENTELLA: Con un play-off soltanto sfiorato, i liguri, dopo l’addio di Aglietti, hanno scelto di ripartire da Roberto Breda.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.