Taste - Sapori Mediterranei

Terremoto Ischia, il sindaco Napoli: “Salerno pronta ad aiutare con uomini e mezzi”

Le parole del sindaco Enzo Napoli: "Siamo vicini alla comunità ischitana colpita duramente da questa calamità"

Federica D'Ambro

Da poco il sole era calato nel mare. Non erano neanche le nove di sera e la maggior parte degli abitanti di Ischia e dei turisti erano pronti per passare una semplice e spensierata serata sull’isola. La terra però ha iniziato a tremare. Una scossa di terremoto di magnitudo 3,6 ha smosso la quotidianità. In pochi istanti le persone sono scappate dalle abitazioni, quelli che sono sono riusciti a farlo in tempo, non ci sono più o sono ancora bloccati sotto le macerie. E’ di 2 morti e di 39 feriti il bilancio stimato fino ad ora. Da subito la macchina operativa dei soccorsi si è messa in moto per aiutare le persone rimaste bloccate sotto le macerie e ritrovare i dispersi. E’ bastata la prima scossa per far crollare le palazzine del comune di Casamicciola, epicentro del sisma. Forze dell’ordine, vigili del fuoco, protezione civile, tutti sono ancora a lavoro.
Il Comune di Salerno e il primo cittadino Enzo Napoli ha espresso da subito parole di fiducia nei confronti dell’isola, promettendo sin da subito uomini e mezzi da Salerno, per aiutare le operazioni di soccorso.

“Siamo vicini alla comunità ischitana colpita duramente da questa calamità – ha dichiarato il sindaco Napoli – Ischia è un’isola splendida, orgoglio e vanto della nostra regione. Siamo certi che con l’aiuto di tutti si rialzerà dalle sue macerie. Il Comune di Salerno mette fin d’ora a disposizione propri uomini e mezzi per le operazioni di soccorso e il ripristino della normalità”.

L’ultimo sisma sull’isola di Ischia avvenne nel 28 luglio del 1883 e provocò più di 2000 morti, distruggendo in particolar modo il comune di Casamicciola.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.