Taste - Sapori mediterranei

Telefonino in cella nel carcere di Salerno, il direttore esclude coinvolgimento del personale

Scattata l'indagine interna, i particolari su quanto accaduto

Si trovava in una cella nella prima sezione, quella di media sicurezza, il detenuto intercettato dalle forze dell’ordine, nelle sue conversazioni con un cellulare. Come si legge sul quotidiano Il Mattino oggi in edicola, l’uomo, napoletano, deve scontare nella casa circondariale di Fuorni una pena fino al 2020. Le telefonate intercettate sono state immediatamente segnalate al direttore del carcere e sono scattate le perquisizioni. E’ stato così trovato il telefono all’interno della cella, ora bisognerà capire come quel cellulare è entrato nella casa circondariale di Fuorni. Il direttore Martone a Il Mattino ha dichiarato che si sente di escludere qualsiasi coinvolgimento di qualche dipendente della struttura carceraria, molto probabile invece che il passaggio sia avvenuto durante i colloqui. Proprio in questo stesso settore dove avvengono gli incontri anche con familiari gli uomini della polizia penitenziaria scoprirono la presenza di 40 grammi di hashish che probabilmente sarebbero stati passati a qualche detenuto.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.