Taste - Sapori Mediterranei

Tasso e Da Procida pronti alla rivoluzione: diventeranno “Liceo breve”?

La candidatura per la nuova offerta formativa come "liceo europeo sperimentale": diploma in 4 anni, è la nuova frontiera in Europa

La nuova frontiera europea si chiama “Liceo breve”, o almeno così viene sintetizzata la sperimentazione metodologico-didattica che consente di conseguire il diploma di liceo in 4 anni. Il curricolo sperimentale si affianca a quello tradizionale conservandone tutte le discipline, ma innovando metodi e strumenti. La riduzione di un anno di studio, in linea con molti paesi europei comporta un aumento del monte ore settimanale delle materie caratterizzanti il liceo, 38 ore settimanali e l’adozione di una didattica flessibile, innovativa e interculturale, che si avvale di metodologia CLIL, cooperative learning. A partire dal terzo anno gli allievi potrebbero anche essere coinvolti in attività di stage che potenzieranno la trasversalità dei contenuti appresi e favoriranno la mobilità professionale e formativa. Al termine del quarto anno gli allievi sosterranno l’esame di maturità e potranno avere accesso a tutti i corsi di laurea.

Ebbene, come rivela il quotidiano Il Mattino, oggi in edicola, due licei salernitani saranno tra le 100 scuole italiane pronte per debuttare come liceo europeo sperimentale. Si tratta del liceo classico Tasso e il liceo scientifico Da Procida, entrambi proveranno ad essere ammessi in questo nuovo percorso. Nel caso del liceo Tasso, inoltre, entrare in questa nuova dimensione di quattro anni significa innovazione anche dal punto di vista strutturale, serviranno nuovi locali mensa adeguati e soprattutto più aule. Proprio per questo la preside del liceo classico ha presentato in collegio docenti la proposta di annessione allo storico Convitto Nazionale Tasso di piazza Abate Conforti.

Sulle pagine de Il Mattino si è espressa anche la preside del Da Procida Anna Laura Giannantonio: “Una opportunità, un allineamento alla offerta formativa su standard europei . E’ senza dubbio una sfida culturale impegnativa che richiede una valutazione oculata dei piani di studio.  Abbreviare il liceo a 4 anni dicono non vuol dire contrarre le materie e quindi gli insegnamenti”.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.