Pizzeria Betra Salerno

Tarlo e delizia, il mercato degli attaccanti: le piste della Salernitana

Il punto sulla situazione in casa granata, messaggi da Bristol, Jallow torna domenica in Italia

Più di una situazione, più di una pista, la Salernitana tiene aperte diverse porte con soluzioni diverse per poi muoversi a catena. Sembra questa la strategia adottata dalla società granata, sulla lista il numero uno sembra proprio essere Milan Djuric. Il bosniaco è l’elemento voluto fortemente da Stefano Colantuono, non tanto per la vena realizzativa (che in fondo non ha mai avuto) quanto per la qualità tecnico tattica di un reparto a due uomini. Lo sforzo economico non sarebbe da poco, almeno per un calciatore di 28 anni. Circa 700 mila euro la cifra avanzata dalla Salernitana, messa sul piatto del Bristol, nella Contea del Sud-Ovest però si cerca di strappare qualcosina in più, la volontà del calciatore di tornare in Italia sarebbe una spinta in più anche per gli inglesi, difficile mantenere un calciatore che non ha più le giuste motivazioni di quando è arrivato in Championship. L’impressione è che possa proseguire un braccio di ferro legato più ai rapporti tra i Robins e l’attaccante di Tuzla.

LA SCOMMESSA

Potrebbe essere l’alternativa a Milan Djuric, oppure una variante al bosniaco, potrebbe infatti arrivare lo stesso qualora l’operazione venisse conclusa senza particolari oneri da parte della Salernitana. Stiamo parlando della trattativa per Franco Ferrari. Attaccante italo-argentino, originario di Rosario, anche lui oltre il metro e 90 centimetri, paradossalmente anche più prolifico in zona goal ma è giovane. Ha 22 anni, 23 ad agosto, dovrebbe cimentarsi con la categoria, eppure i suoi numeri sono interessanti. Dopo aver superato un infortunio al crociato ha realizzato 13 reti quest’anno alla Pistoiese. L’anno prima 6 reti in metà stagione, partendo da gennaio con il Tuttocuoio. Nei Dilettanti 12 volte a segno con il Montecatini. E’ di proprietà del Genoa che ha creduto e crede nel calciatore, probabile infatti lo ceda in prestito, la Salernitana proverà a inserire un riscatto, ma i particolari sono legati alle altre trattative in avanti.

franco ferrari

FUMATA GRIGIOROSSA

Adriano Montalto è pronto a viaggiare verso Cremona, la società guidata da Andrea Mandorlini ha chiuso per il bomber di Erice nella giornata di ieri presentando una cospicua offerta alle Fere, un “pacchetto” completo per prelevare anche Mirko Carretta che in un primo momento era stato accostato anche alla Salernitana ma poi “bocciato” da Stefano Colantuono per caratteristiche diverse dal modulo che il tecnico romano intende impiegare quest’anno.

59 Bocalon + Montalto

JALLOW A TEMPO

Sta diventando una vera e propria telenovela la trattativa per portare Lamin Jallow a Salerno. Possibile che l’ultima parola spetti proprio a Colantuono, sarà il tecnico a decidere sulla base di uno sforzo che la società può fare, se puntare o meno sul calciatore mettendo sul piatto una parte di quel budget utile all’arrivo del gambiano. Avendo in “gioco” l’operazione Djuric e anche qualche situazione in difesa la Salernitana avrebbe fatto volentieri a meno di impegnarsi ancora economicamente. D’altronde Jallow è un pallino di Fabiani, piace anche a Colantuono, ed è probabile che alla fine lo sforzo sarà fatto. L’ex Cesena arriverà in Italia sabato, nel giorno in cui i granata partono per Rivisondoli, l’attaccante però a meno di sorprese dell’ultim’ora dovrebbe viaggiare verso Verona. L’agente, l’avvocato Luigi Sorrentino ha lanciato una sorta di ultimatum ai granata: “Aspettiamo fino a lunedì”. Jallow vuole terminare la sfilza di prestiti messa in atto dal Chievo, su di lui c’è anche il Palermo che potrebbe investire nel calciatore ma è una trattativa mai letteralmente iniziata tra le parti. Ad oggi Jallow resta il primo obiettivo dei granata per l’attacco, lui con Djuric, anche se difficile a questo punto che possano arrivare entrambi.

Jallow Lamin

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.