Pizzeria Betra Salerno

Non basta Rosina, finisce 1-1 al Picco

Una Salernitana dai due volti porta via un punto tutto sommato prezioso dallo stadio Picco

admin

SPEZIA-SALERNITANA 1-1

SPEZIA (4-3-3): Chichizola; De Col, Valentini, Terzi, Migliore; Pulzetti (28′ st Vignali), Errasti (45′ st Galli), Sciaudone; Piccolo, Nenè, Okereke (10′ st Iemmello). A disposizione: Valentini, Acampora, Ceccaroni, Crocchianti, Bastoni, Maggiore. Allenatore: Di Carlo.

SALERNITANA (3-5-2): Terracciano; Mantovani, Schiavi, Bernardini; Laverone, Odjer (28′ st Moro), Busellato, Rosina, Zito (38′ st Caccavallo); Coda (30′ st Joao Silva), Donnarumma. A disposizione: Liverani, Tuia, Vitale, Grillo, Cenaj, Improta. Allenatore: Sannino.

ARBITRO: Daniele Chiffi di Padova. Assistenti: Giovanni Colella di Padova – Enrico Caliari di Legnago. IV uomo: Fabrizio Piscopo di Imperia.

RETI: 20’ pt  Rosina; 34′ st Nenè.

NOTE: Prima del fischio d’inizio, nell’ambito del cerimoniale inaugurale della serie B, il capitano Terzi ha letto il giuramento dell’atleta, al quale è seguito l’inno di Mameli. Le due squadre, che hanno giocato col lutto al braccio, hanno poi osservato un minuto di silenzio per le vittime del terremoto che ha sconvolto il centro Italia. Spettatori 7.930, di cui 285 pr0venienti da Salerno. Angoli 9-2. Ammoniti: Nenè, Bernardini. Recupero 4′ st.

LA SPEZIA. Una Salernitana dai due volti porta via un punto tutto sommato prezioso dallo stadio Picco nel match d’esordio del nuovo campionato di serie B. Finisce 1-1, alla rete iniziale di Rosina risponde Nenè nella ripresa. Buon primo tempo della Salernitana che però soffre troppo nella ripresa, penalizzata forse anche dall’infortunio di Odjer che è costretto ad abbandonare il campo a causa di una noia muscolare.  Sannino ha dovuto rinunciare all’ultimo momento all’esterno Vitale, defezione che ha costretto il tecnico a rivedere l’assetto tattico della Salernitana che è stata schierata con un 3-5-2 con Mantovani, Schiavi e Bernardini in difesa; Laverone e Zito esterni alti, Busellato a centrocampo al posto di Moro e con Rosina mezz’ala. E l’impiego dal primo minuto dell’ex barese è la novità più importante in casa granata. Sannino gli ha voluto dare subito fiducia, gettandolo nella mischia nell’undici base con la fascia di capitano al braccio. Al 9’ si fa avanti lo Spezia con Okereke, che sgomita tra le maglie della retroguardia granata ma viene fermato da Terracciano in uscita. Al 17’ occasione da gol per la Salernitana. Cross di Laverone per Coda che non aggancia di testa appena di un soffio. E’ il preludio alla rete del vantaggio, che arriva al 20’ con Rosina. Il capitano brinda all’esordio in maglia granata con un gran gol di destro, approfittando di una deviazione di Migliore. Lo Spezia risponde al 30’ con un tiro centrale dell’ex di turno Sciaudone, che termina tra le braccia di Terracciano. La Salernitana rischia di raddoppiare al 40’ con un’azione personale di Donnarumma. La conclusione dell’attaccante napoletano si insacca nella rete esterna della porta difesa da Chichizola. L’ultima occasione per lo Spezia prima dell’intervallo nasce dagli sviluppi di un calcio piazzato con Piccolo, al 43’, ma l’azione si risolve con un nulla di fatto.  Alla ripresa sono subito brividi per la Salernitana. Al 3′ st l’ex Sciaudone colpisce clamorosamente la traversa, ma l’azione non finisce perchè Nenè aggancia di testa ma  Zito salva sulla linea della porta di Terracciano. Al 27′ st guai per Sannino. Infortunio muscolare per Odjer, probabilmente stiramento, costretto ad abbandonare il campo. Al suo posto Moro. Al 29′ st si registra un’altra azione pericolosa per gli uomini di Di Carlo, che questa volta ci provano con Iemmello. Spezia ancora avanti al 34′ st con un calcio di punizione di Nenè che Terracciano devia miracolosamente in angolo. Sugli sviluppi del corner lo stesso Nenè non perdona l’estremo difensore granata e mette a segno la rete dell’1-1. E’ un momento critico per la Salernitana. Al 38′ st Iemmello sfiora la rete del sorpasso. I granata si salvano in angolo. Al 41′ st insidioso colpo di testa di Nenè che non inquadra lo specchio ma strappa gli applausi del Picco. Allo scadere Laverone salva su Iemmello. Ultimo sussulto al 49′ st con Iemmello sugli sviluppi dell’ultimo corner del match. Dopo 4 minuti di recupero arriva infatti il triplice fischio che mette fine alle sofferenze della Salernitana che porta via un punto tutto sommato prezioso.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.