Pizzeria Betra Salerno

“Una speranza c’è e ci vogliamo provare”

Bollini non si arrende e guarda ai playoff: "Dobbiamo fare meglio negli ultimi 30 metri, serve fantasia e libertà"

“La gara con il Frosinone è stata metabolizzata, accettando il verdetto del campo, con dispiacere soprattutto per il grande pubblico. Abbiamo commesso qualche errore di troppo contro un avversario in grande forma e con grandi individualità”. Così Alberto Bollini si è espresso parlando del match che visto la Salernitana soccombere tra le mura amiche contro il Frosinone di Marino, il tecnico lombardo però ha parlato anche del match di domani e dei prossimi impegni di campionato, alla vigilia di Carpi-Salernitana. “Dobbiamo riequilibrare l’emotività oltre che all’aspetto fisico. Servono adesso motivazioni, dobbiamo dosare gli allenamenti e gestire i recuperi, userò un minutaggio congruo alle condizioni dei giocatori, bisognerà avere tanto forza fisica e anche serenità, solo con il gioco possiamo ottimizzare al meglio queste risorse ed energie”. Sul Carpi. “Ho incontrato il Carpi in questo periodo lo scorso anno, io ero all’Atalanta, lottavano per non retrocedere, nel ritorno fecero una media punti da salvezza, hanno mantenuto l’ossatura di quella squadra, adesso vivono un momento di ripresa, puntano attraverso i play-off a tornare in serie A. Noi saremo un avversario scomodo, per onorare la maglia e perchè abbiamo ancora una speranza e ci vogliamo provare. Dobbiamo giocare con il nostro spirito, essere più imprevedibili negli ultimi 30 metri, nella nostra costruzione arriviamo lì ma non riusciamo a segnare con continuità, cerco di avere in considerazione le caratteristiche dei singoli, quindi fantasia e libertà per giocare un calcio propositivo”.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.