Taste - Sapori mediterranei

Servizio igiene urbana,sindacati “riaccendono” la vertenza Alba: chiesto vertice al Prefetto

Nota inviata anche a Fulvio Bonavitacola: "Oggi i Vertici Aziendali della società Alba S.r.l. continuino a non rispettare i dettami della Legge Regionale in materia di utilizzo di personale"

Una nota, a firma delle organizzazioni sindacali, Fp Cgil Erasmo Venuti, Fit Cisl Ezio Monetta,UilTrasporti Gennaro Scarano e Cobas Teresa Vicidomini, riguardante la società Alba Srl e inviata al Prefetto Malfi e all’assessore regionale Fulvio Bonavitacola, oltre che al sindaco di Battipaglia Cecilia Francese. I sindacalisti hanno “fatto rilevare – si legge nella lettera –  come ad oggi i Vertici Aziendali della società Alba S.r.l. continuino a non rispettare i dettami della Legge Regionale n. 14/2016 in materia di utilizzo di personale nell’espletamento di servizi connessi al servizio di igiene urbana, con attività del ciclo integrato dei rifiuti espletate da personale dipendente di società cooperative, a cui si dà anche la possibilità di usare attrezzature ed automezzi ad uso esclusivo dei dipendenti di Alba S.r.l.. Ad adottare direttive in materia di organizzazione dei servizi che non rispettano i requisiti minimi previsti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Non vengono rispettati i dettami della normativa vigente in materia di relazioni sindacali, rifiutando ogni confronto con la RSU Aziendale, cha sarà materia, da parte di queste OO.SS., di valutazione per l’attivazione delle procedure previste dall’ex art. 28 dello Statuto dei Lavoratori (Legge n. 300/70)”.

Prosegue la nota: “Attesi tutti i risvolti negativi che quanto su esposto va a determinare sui lavoratori e sulla loro attività lavorativa quotidiana, con gravi ricadute anche sul profilo psico-fisico, con la presente, nel comunicare la proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori addetti al servizio de quo, richiede, anche ai fini di esperire il tentativo di conciliazione con le parti in indirizzo, la convocazione di tutte le parti interessate presso la Prefettura di Salerno per affrontare le delicate questioni, rappresenta, nel contempo, che, in caso contrario, si attiveranno tutte le forme di lotta, nel rispetto delle leggi vigenti in materia, per manifestare a tutela del rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori nonché si darà avvio alle procedure per la proclamazione dello sciopero”.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.