Taste - Sapori Mediterranei

Servizio al tavolo anche con il divieto, multe per tre attività

Controlli nell'ultimo periodo delle festività, oltre 6mila persone controllate, chiusi 4 esercizi commerciali

Nella settimana appena trascorsa, ricomprendente anche la ricorrenza dell’Epifania, l’impegno delle forze dell’ordine è stato teso a garantire al massimo la sicurezza e la salute pubblica nel rispetto delle esigenze della collettività in tutti centri abitati della Provincia.

I controlli

Al fine di dare piena attuazione al quadro normativo complessivo – composto dai Decreti, da ultimo il decreto legge del 5 gennaio e del d.p.c.m. in vigore, dalle Ordinanze del Ministro della Salute, della Regione Campania e dei Sindaci della Provincia – il Questore della Provincia di Salerno, con propria ordinanza ed in piena intesa con i Comandanti Provinciali dell’Arma Carabinieri e della Guardia di Finanza, con il prezioso concorso dell’Esercito Italiano, della Polizia Municipale e della Polizia Provinciale di Salerno, ha predisposto un dettagliato piano d’intervento che, dal 4 al 10 gennaio, ha consentito di raggiungere i seguenti risultati operativi:
•  6784 persone controllate;
•  3996 veicoli controllati;
•  2634 esercizi pubblici controllati;
•  104 persone sanzionate per mancato uso della mascherina o perché fuori dal comune di residenza senza giustificato motivo;
• 12 titolari di esercizi commerciali sanzionati per mancato rispetto della normativa anticovid.
•  4 attività o esercizi chiusi, ex artt. 2 e 4 .l. 35/2020

commercio negozi covid coronavirus Salerno lavoro spesa

Divieto di spostamenti

I servizi sono stati volti a prevenire il rispetto della disciplina vigente nelle giornate dei controlli, tra cui il rispetto del divieto di spostamento tra comuni, in assenza di cause di giustificazione, nei giorni della vigenza dell’area arancione e l’osservanza delle misure più rigorose previste per l’area rossa nei giorni del 5 e 6 gennaio, festivi e nel fine settimana e dell’area gialla nelle date del 7 e 8.

Anti-assembramenti

Inoltre gli equipaggi delle forze dell’ordine e dell’Esercito, come sopra specificate, hanno prevenuto il formarsi degli assembramenti nelle strade e verificato il rispetto dell’obbligo dell’uso delle mascherine; in tale circostanza sono state elevate le sanzioni per persone non indossanti i dispositivi di protezione individuali nonché di chi è stato controllato fuori dal luogo di residenza, senza giustificato motivo.

“Servizio a tavolo” nonostante il divieto

Peraltro, sono state elevate 3 sanzioni a gestori di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande in quanto effettuavano il cosiddetto “servizio al tavolo” e non la consentita vendita per asporto, nelle giornate relative alle zone “arancione” e “rossa”. È stato altresì sanzionato un negozio di abbigliamento, sito in un centro commerciale ed aperto alla vendita, nonostante il divieto imposto nella “zona rossa”.

Senso di responsabilità

Complessivamente, sono comunque prevalsi il buon senso e la responsabilità da parte della collettività, con il rispetto delle misure di contenimento, sia da parte degli esercenti controllati che delle persone in circolazione sulle strade dei centri abitati ove sono stati effettuati i controlli. Per la prossima settimana, sono stati programmati gli ulteriori servizi che saranno svolti in modo da garantire il rispetto delle misure di contenimento previste dalla normativa vigente.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.