Taste - Sapori mediterranei

Scompare la “Salerno-Reggio Calabria”, l’Anas cambia nome alla storica A3

Una storia partita dal piano regolatore nel 1934, l'ultimo cantiere chiuso il 22 dicembre del 2016

“L’autostrada A3 “Salerno-Reggio Calabria” diventa A2 “Autostrada del Mediterraneo”come naturale prosecuzione dell’itinerario Nord-Sud, che assieme alla A1 “Autostrada del Sole” unisce la Lombardia alla Calabria, attraversando territori e paesaggi di fascino e magia”. Con questo messaggio l’Anas ha disposto ufficialmente anche il cambio di denominazione della oramai ex Salerno-Reggio Calabria. Una storia che sembrava infinita quella della Sa-Rc, partita nel lontano 1934, quando il Piano Regolatore delle Autostrade Italiane redatto dall’Aass, l’Azienda autonoma statale della strada (dal 1946 Anas) prevedeva la costruzione di un’autostrada tirrenica Livorno-Civitavecchia-Salerno-Reggio Calabria, una disposizione che rimase “bloccata” fino al 1955 quando la legge 463 (detta legge Romita) approvò un programma di costruzione della rete autostradale in dieci anni, con un piano finanziario di 100 miliardi di lire. La realizzazione della Salerno-Reggio Calabria, disegnata su un tracciato costiero tirrenico con due corsie per senso di marcia. Il 22 dicembre 2016 l’Anas, presieduta da Gianni Vittorio Armani, ha aperto al traffico, con oltre un anno di anticipo sulla data di consegna dei lavori della Galleria Larìa. Era l’ultimo grande cantiere, da quel giorno la A3-Salerno Reggio Calabria risultava ufficialmente finita.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.