Taste - Sapori Mediterranei

Sciopero dei giornalisti de La Città: “La nostra dignità non è in vendita.. ci sia chiarezza”

Messaggio alle Istituzioni, presente al presidio anche il sindaco di Salerno

Federica D'Ambro

 

“La nostra dignità non è in vendita”

Così si sono radunati questa mattina, sotto la sede della redazione, collaboratori e redattori giornalisti del quotidiano La Città. Messaggi chiari verso la società dopo quanto emerso (clicca qui per leggere l’articolo) e messaggi anche alle Istituzioni per ottenere trasparenza e rassicurazioni sull’attività e continuità della testata giornalistica, con ovviamente i posti occupazionali.

A chiarire la situazione del quotidiano, con parole forti e decise, è stata la giornalista Clemy De Maio. 

“Gli interrogativi riguardano quella che è la composizione societaria che è stata cambiata senza avvisare e, soprattutto, la reale proprietà della testata attualmente ignota. Infatti, non abbiamo idea di chi sia il proprietario del quotidiano ed è uno scenario inquietante. Non sono in gioco solo i posti di lavoro ma è in gioco la libertà dell’informazione. Chiediamo a tutte le autorità di intervenire. Facciamo un appello al presidente di Confindustria, al Gruppo L’Espresso. Purtroppo i nostri timori si sono realizzati”. 

Sulla vicenda si è espresso il presidente dell’ordine dei Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli, presente questa mattina in piazza Sant’Agostino dove si sono radunati i redattori e collaboratori de “La Città”.

“Siamo qui per denunciare le gravissime violazioni che i colleghi hanno scoperto e che hanno portato a questi giorni di sciopero, uno sciopero sacrosanto. Qui o si ripristinano le condizioni di legalità oppure c’è bisogno davvero di un intervento massiccio. Giusto l’appello anche agli imprenditori, al presidente degli Industriali, affinché si faccia chiarezza sulla proprietà. La vendita occulta ad una società di schermata è una cosa di una gravità inaudita, per questo devono intervenire le Istituzioni. Siamo pronti anche a fare un presidio continuo finché non verrà fatta chiarezza”. Ottavio Lucarelli, presidente dell’ordine dei Giornalisti della Campania.

A seguire direttamente la vicenda è stato il Sindacato unitario giornalisti della Campania, presente al sit-in. Inoltre, a dare il suo appoggio ai giornalisti del quotidiano è arrivato anche il primo cittadino di Salerno, Vincenzo Napoli.

“Bisogna seguire con grande attenzione quanto succede. Noi abbiamo a cuore la stampa cittadina. Vedo tra di voi volti amici che talvolta anche con severità guardando quanto accade a Palazzo di Città. Le testate giornalistiche devono essere salde, bisogna pensare a tutte le possibilità di lotta per impedire che una sola voce vada persa. Bisogna instaurare corrette relazioni sindacali che tengano informate su quanto si intende fare e si sta facendo. Ci sta particolarmente a cuore il destino professionale dei tanti di voi e non penso che questo possa essere sciupato con azioni discutibili. La libertà di stampa è importante”. Le parole del sindaco, Vincenzo Napoli.

 

 

 

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.