Scarpe per bambini - Millepiedi

In scena la favola de “I Musicanti di Brema” al Teatro delle Arti

Secondo appuntamento al Teatro delle Arti con il family show targato “C’era Una Volta”

Amicizia, coraggio, libertà, e nel mezzo tanta musica per intrattenere, attrarre, coinvolgere. Ecco i punti cardine del secondo appuntamento, domenica 13 novembre, al Teatro Delle Arti di “C’era una volta”, V edizione della rassegna ideata dalla Compagnia dell’Arte con la direzione artistica di Antonello Ronga.

Nel segno del family show, rappresentazioni ad hoc per grandi e piccoli, la stagione prosegue domenica 13 novembre (alle 11, 17 e 19)  con “I Musicanti di Brema”, una fiaba senza tempo dei fratelli Grimm, non tra le più conosciute ma assolutamente ricca di spunti e riflessioni importanti: una di quelle storie che non si smette mai di raccontare e di ascoltare.

La versione, per quanto fedele all’originale, viene qui reinterpretata e resa più moderna, divertente, interattiva: perché se i sogni son desideri tutto può succedere e diventare realtà. In scena l’attore Orazio Cerino ed il Complesso Strumentale Rinaldi diretto dal Maestro Francesco Guida. La regia è di Mirko Di Martino, gli arrangiamenti musicali di Massimo La Rocca e Attilio Foglia, i costumi di Doriana Giannattasio.

LA STORIA: Quattro animali (un asino, un cane, un gatto e un gallo) uniti da un infausto destino, essere uccisi in quanto non più utili: l’asino non aveva più le forze per tirare il carro, il cane non riusciva più ad andare a caccia, il gatto preferiva fare le fusa invece di catturare i topi ed il gallo sembrava essere più utile come pranzo che come sveglia mattutina. Sebbene la sorte sembrava essersi accanita con loro, questi non si persero d’animo e decisero di tentare fortuna a Brema e diventare musicanti. Lungo il tragitto, stanchi e affamati, decisero di fermarsi accanto ad una casa: spiando  notarono all’interno una tavola imbandita di ogni ben di Dio e una banda di briganti intenta a mangiare e a contare il malloppo.  Allora gli animali tennero consiglio sul modo di cacciar fuori i briganti, e alla fine trovarono il sistema. L’asino iniziò a ragliare, il cane ad abbaiare, il gatto a miagolare e il gallo a cantare: i briganti, spaventati da quell’orrendo schiamazzo, fuggirono atterriti e non riuscirono più ad accedere a quella casa. Ovvero: mai abbattersi di fronte alle difficoltà. Ecco la morale. I quattro protagonisti, seppur diversi, riescono ad unire le proprie forze e a collaborare per un fine comune.

Con oltre 700 tessere e il sold out del primo spettacolo (1500 spettatori), si è chiusa la campagna abbonamenti. Ancora disponibili gli ultimi biglietti (ad ingresso “doppio”) per le tre performance in programma, alle 11, 17 e 19. Il costo del tagliando è di 12 euro: entrano due persone, il bambino e il suo accompagnatore.

COMPAGNIA DELL’ARTE: Nasce nel luglio del 2012 dalla passione per il teatro di un gruppo di giovani talenti salernitani (Federica Buonomo, Mauro Collina, Martina Iacovazzo e Valentina Tortora) che, guidati dalla costanza e dalla dedizione del direttore artistico, Antonello Ronga, si propone l’ambizioso obiettivo di avvicinare i più piccoli (ma non solo) al mondo del teatro, realtà oggi troppo spesso soppiantata da televisione, computer e videogiochi. Da allora è riuscita a calcare non solo i più importanti palcoscenici regionali, ma a valicare anche i confini campani ricevendo l’applauso  del pubblico laziale e lucano, rientrando in rassegne di primo piano, registrando quasi sempre il tutto esaurito e totalizzando un numero di oltre 5mila spettatori per spettacolo.

Matterello - Pizzeria a salerno

Commenti

I commenti sono disabilitati.