Pizzeria Betra Salerno

La rivincita di Boris

Decisivo nelle ultime uscite dei granata, ieri ha salvato il risultato con interventi cruciali nei minuti finali

Luca Viscido

Una Salernitana gagliarda grintosa e soprattutto volenterosa torna da Perugia con un prezioso punto in ottica salvezza, visti i risultati delle squadre immischiate nella lotta per non retrocedere le quali hanno steccato quasi tutte. Ma la squadra granata allenata da mister Colantuono deve ringraziare uno straordinario Boris Radunovic se dal Curi è uscita con almeno un punto. Il portiere di proprietà dell’Atalanta ha effettuato un vero e proprio straordinario girone di ritorno, al contrario di quello d’andata dove è stato incerto in tante forse troppe apparizioni per uno dei migliori prospetti futuri nel suo ruolo. Da non dimenticare anche l’ottima stagione passata (la prima tra i professionisti), con la maglia dei Lupi in cui Radunovic risultò decisivo in molti match della squadra biancoverde e anche nel derby di ritorno chiuse la porta ai granata più volte, prima di arrendersi al sinistro di Massimo Coda. Nella gara di martedì l’estremo difensore serbo si è trasformato in una vera e propria saracinesca disinnescando ripetutamente le folate offensive dell’attacco biancorosso, compiendo un vero e proprio intervento salva risultato nei minuti finali su Samuel Di Carmine. Da non dimenticare l’intervento strepitoso pochi minuti prima su Diamanti, quando il portiere serbo è volato a togliere la palla dall’incrocio dei pali. Non è stato l’unico match da migliore in campo per il classe 96. Anche contro il Brescia il portiere di proprietà dell’Atalanta nei minuti iniziali è stato fondamentale togliendo dalla rete un tiro a botta sicura di Caracciolo, dando il via al successo sui lombardi. Da non dimenticare il rigore parato contro il Cittadella due settimane fà il quale ha tenuto la squadra granata ancora viva fino a quel momento, poiché con quel fondamentale intervento il risultato rimase per 1-2 prima che uno straordinario Schenetti (doppietta quel giorno) chiuse definitivamente il match. Sicuramente una delle note positive da cui ripartire per la prossima stagione, cercando di trattenere un giocatore forte nel suo ruolo, che messo nelle condizioni giuste e senza dargli inutili pressioni, potrà dare alla Salernitana una grande mano, verso quegli obbiettivi che la tifoseria chiede e merita, che vadano al di là di una semplice salvezza. Tutto questo ambizioni societarie permettendo.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.