Pizzeria Betra Salerno

Sannino:”Dovevamo giocare la partita della vita. Zito? Darà ancora il suo apporto”

"Sul 2-0 ero fermo vicino alla panchina pensando che nella vita tutto è già scritto, credevo nella rimonta"

admin

Il mister Sannino, dopo la vittoria con la Ternana, è intervenuto in conferenza stampa, dichiarando:”L’importante è aver fatto risultato, non le statistiche. Oggi Donnarumma ha corso tanto, e l’ho sostituito per fargli ricevere l’applauso del pubblico a 10 minuti dalla fine. La partita da giocare era quella della vita, era difficile arrivare con la testa sgombra, ma l’importante era vincere. Voglio salvare la seconda parte del primo tempo che ha fatto notare la voglia di andare avanti e di non mollare mai. I numerosi cambi di modulo in corso denotano la capacità di trasformazione della squadra e sono tutti risultati delle mie scelte. Oggi dobbiamo gioire per il risultato che mancava da molto tempo. Le partite si vincono anche su calcio da fermo e non voglio parlare del gol annullato regolare a Donnarumma. Non faccio mai complimenti ai singoli ma oggi c’è da fare una menzione speciale a Coda, l’unico che ho sempre fatto giocare e che credo sia diventato importantissimo anche a livello tattico. Sul 2-0 ero fermo vicino alla panchina pensando che nella vita è tutto scritto, mi sentivo che avremmo portato a casa la partita. Abbiamo dimostrato di essere un gruppo di uomini e professionisti. Sull’episodio del calcio di rigore devo dire che non abbiamo un rigorista disegnato, non c’è una gerarchia, perché credo che durante le partite anche le situazioni emotive influiscano, e oggi Vitale era l’uomo giusto. L’esclusione di Zito? E’ un giocatore che ha dato e darà ancora il suo apporto. Busellato? Trauma distorsivo al ginocchio sinistro, domani gli accertamenti”.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.