Taste - Sapori mediterranei

“Salerno è l’Amsterdam italiana, troppa prostituzione”

Allarme lanciato dal consigliere comunale Giuseppe Zitarosa: "A Pastena e Zona Industriale ci sono coppie esibizioniste"

“Nonostante l’ordinanza del sindaco che sembrava aver imposto un vero e proprio giro di vite per contrastare il fenomeno del sesso a pagamento nella città di Salerno, il caso è in costante aumento”. Si legge in una nota a firma del consigliere comunale di Forza Italia Giuseppe Zitarosa. “

Nella zona dello stadio “Arechi”, ormai abitata da centinaia di famiglie che occupano le nuove abitazioni costruite, si trovano prostitute, trans e bisessuali. In via Paradiso di Pastena ed in via Tiberio Felice (Zona Industriale) si trovano coppie esibizioniste che aspettano di essere guardate. Nella zona del Mercato Ortofrutticolo, in un viale molto lungo, ci sono prostitute all’interno di auto proprie che, solitamente, contattano i clienti telefonicamente. Sulla spiaggia e sugli scogli, in prossimità del Porto Commerciale, è possibile notare tantissime coppie esibizioniste che amano farsi ammirare mentre fanno sesso. Senza poi contare tanti appartamenti ed alberghi in cui ci sono prostituite di ogni nazionalità che preferiscono accogliere i clienti al chiuso”. Prosegue Zitarosa: “Salerno, famosa finora per le “Luci d’Artista” starebbe per raggiungere anche un altro invidiabile primato: prima per la presenza di “Lucciole Artistiche” in ogni parte della città, una vera e propria Amsterdam italiana. Cosa che la sta rendendo destinazione ideale per particolari “turisti” provenienti da ogni parte della Provincia e della Regione. Sarebbe auspicabile, a questo punto, intensificare i controlli atti a scoraggiare tale fenomeno. Il suo predecessore alla guida della città era solito verificare di persona quanto accadeva su questo versante. I cittadini, che subiscono di riflesso il degrado derivante da tale fenomeno, attendono fiduciosi una risposta dalle Istituzioni”.

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.