Taste - Sapori mediterranei

Salerno, com’è difficile fare impresa

Il nostro comune è al 97esimo posto su 101: è tra le città meno attrattive per gli investimenti

admin

Non è una città per fare impresa. Salerno finisce sul fondo della classifica delle città dove è più semplice fare impresa, riportata dal Corriere della Sera: 97esimo posto su 101; due gradini più indietro di Napoli. Il report sulle città più attrattive per gli investimenti è stato stilato da UnionCamere e Ref. Insomma, Salerno non avrebbe “appeal” per convincere chi vuol avviare un’attività: troppi intralci, di carattere amministrativo-burocratico.
A sottolineare il preoccupante dato è il consigliere comunale di Salerno, Roberto Celano, il quale bacchetta duramente la gestione amministrativa di Salerno, targata De Luca: «Per anni abbiamo sentito parlare di sburocratizzazione, di posti di lavoro, di sviluppo della città» – si legge in una nota dell’esponente della minoranza consiliare. «Le amministrazioni che si sono succedute – prosegue Celano – guidate dal “re” della burocrazia e dei cavilli, ricercati accuratamente per resistere ed eludere norme e regole, tartassa oltremodo cittadini ed operatori economici, scoraggiando di fatto chi ne avesse voglia di investire in città».
A parere del consigliere comunale, «urge “cambiare marcia”, dare una identità alla città di Salerno, ridurre tasse e balzelli ed offrire servizi più adeguati».

Taste - Sapori mediterranei

Commenti

I commenti sono disabilitati.