Taste - Sapori Mediterranei

Chiesta condanna a un anno e otto mesi per Nello Mastursi

A chiedere la condanna i pubblici ministeri Corrado Fasanelli e Giorgio Orano, perchè aveva un interesse personale nel conservare quel ruolo di capo della segreteria del governatore Vincenzo De Luca

Federica D'Ambro

E’ stata chiesta una condanna a un anno ed otto mesi per Nello Mastursi, ex capo della segreteria del governatore Vincenzo De Luca. A chiedere la condanna i pubblici ministeri Corrado Fasanelli e Giorgio Orano, perchè aveva un interesse personale, ovvero, conservare il ruolo di capo della segreteria. A darne notizia questa mattina il quotidiano Il Mattino. Il fatto è avvenuto nell’estate del 2015, quando Nello Mastursi è accusato, con altre cinque coimputati, di induzione indebita a promettere utilità relativamente alle sentenze che avrebbero consentito a De Luca di restare in carica alla presidenza della Regione evitando l’applicazione della legge Severino.
I giudici si sono pronunciati ieri e non solo su Nello Mastursi. Riformulata anche la richiesta di rinvio a giudizio per il giudice Anna Scognamiglio, autrice della sentenza sulla legge Severino che il 22 luglio 2015 aveva reintegrato De Luca. Il marito di Anna, Guglielmo Manna, l’avvocato napoletano Gianfranco Brancaccio, l’avvocato avellinese Giuseppe Vetrano e Giorgio Poziello, infermiere presso l’ospedale Santobono a Napoli.
Ora la decisione spetta al giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Roma.

No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.