Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana, rigore amaro sullo stretto: 0 a 0 con la Reggina

Al 90'. Al "Granillo" è Djuric, nel secondo tempo, a fallire l'appuntamento con i tre punti dagli undici metri. I granata aggancianco al secondo posto Monza e Chievo

Alfonso Maria Tartarone

REGGINA-SALERNITANA 0-0

REGGINA. Nicolas, Loiacono, Cionek, Stavropoulos, Liotti (92’ Dalle Mura), Bianchi, Crimi, Edera (80’ Micovschi), Folorunsho, Ménez (80’ Bellomo), Montalto (89’ Denis). A disp.: Guarna, Plizzari, Delprato, Faty. All.: Baroni.
SALERNITANA. Belec, Bogdan, Gyombér, Mantovani, Kupisz, Coulibaly (65’ Kiyine), Di Tacchio (65’ Schiavone), Capezzi, Cicerelli (15’ Durmisi), Gondo (65’ Tutino), Djuric. A disp.: Adamonis, Aya, Veseli, Sy, Dziczek, Anderson. All.: Castori.
ARBITRO. Abisso di Palermo.
NOTE. Ammoniti: Montalto, Gondo, Di Tacchio, Coulibaly, Kiyine, Loiacono, Bogdan; calci d’angolo: 4-2; minuti di recupero: 3’ pt e st.

Salernitana, rigore amaro sullo stretto: 0 a 0 con la Reggina. Al “Granillo” è Djuric, nel secondo tempo, a fallire l’appuntamento con i tre punti dagli undici metri. I granata agganciano al secondo posto Monza e Chievo LA PARTITA. Centoventi secondi e sono già brividi per il pacchetto arretrato granata. Cicerelli perde malamente la sfera, ripartenza dei padroni di casa e Menez (tra un rimpallo e l’altro) manca per questione di centimetri l’appuntamento con il gol. Trascorrono otto giri di lancette ed Edera, a tu per tu con Belec, alza incredibile la mira. Campani in affanno. Merito dell’intraprendenza della rinnovata formazione amaranto. In casa campana il primo “sussulto” riguarda una sostituzione. Problemi fisici per l’ex Foggia, esordio per Durmisi. Di Tacchio e compagnia ancora a secco di conclusioni verso lo specchio della porta difeso da Nicolas. Dall’altra parte, dopo lo sprint iniziale, rifiatano i calabresi. La contesa si rivitalizza nel finale. Retroguardia della Salernitana ancora una volta burrosa, Belec evita guai peggiori prima sulla deviazione involontaria di Djuric e poi sul colpo di testa di Loiacono. Si torna in campo. Ci prova immediatamente Folorunsho: tiro cross velenoso che non trova impreparato il numero uno granata. Risponde, finalmente, la truppa di Castori (50’). Errore di Loiacono, Durmisi assiste Gondo, l’ivoriano (in sospetta posizione di fuorigioco) anticipa Nicolas e ottiene il tiro dagli undici metri. Dal dischetto Djuric, il portiere amaranto intuisce ed il risultato non si sblocca. A reclamare il rigore, nell’area opposta, è l’ex Montalto. La trattenuta di Bogdan, a pochi passi dalla linea bianca di porta, appare netta. Abisso lascia proseguire. Cambiano i campani. Forze fresche per tentare l’assalto ai tre punti: Tutino, Kiyine e Schiavone. Il centravanti partenopeo non perde tempo, destro alto sulla traversa. Parte conclusiva del match. Ritorna in avanti la Reggina. Stacco aereo di Montalto, Belec c’è. Tre giri di lancette per ottenere il successo. L’ultimo tentativo, in girata, è dell’ex punta del Cosenza. Non c’è più tempo.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.