Taste - Sapori Mediterranei
No Signal Service

Salernitana in orbita con Tutino: con il Pordenone è 2 a 1

L'ex Empoli al 96' dagli undici metri decide il match di Lignano Sabbiadoro. Granata secodi e vicini alla promozione diretta in A

Alfonso Maria Tartarone

PORDENONE – SALERNITANA 1-2 (0-1)

PORDENONE. Perisan, Vogliacco, Camporese, Barison, Falasco, Zammarini (88’ Berra), Pasa, Scavone (62’ Misuraca), Mallamo (62’ Musiolik), Ciurria, Butic (75’ Magnino). A disp.: Bindi, Fasolino, Stefani, Calò, Bassoli, Biondi, Rossetti, Chrzano. All.: Domizi.
SALERNITANA. Belec, Casasola, Bogdan, Gyombér, Jaroszynski, Kupisz (84’ Anderson), Di Tacchio, Capezzi (75’ Coulibaly), Kiyine (75’ Cicerelli), Gondo (90’ Kristoffersen), Djuric (75’ Tutino). A disp.: Adamonis, Mantovani, Sy, Schiavone, Aya, Boultam, Durmisi. All.: Bocchini (Castori indisponibile).
MARCATORI. 7’ Gondo, 69’ Misuraca, 96’ Tutino (rigore)
ARBITRO. Marini di Roma.
NOTE. Ammoniti: Adamonis (dalla panchina), Monzoni (dalla panchina), Kiyine, Camporese, Casasola, Magnino, Anderson; calci d’angolo: 7-4; minuti di recupero: 1’ pt;

Salernitana in orbita con Tutino: con il Pordenone è 2 a 1. L’ex Empoli al 96’ dagli undici metri decide il match di Lignano Sabbiadoro. Granata secondi e vicini alla promozione diretta in A LA PARTITA. Ci provano subito i padroni di casa. Centoventi secondi, torsione aerea di Zammarini e Belec risponde senza affanni. I granata non si scompongono, Gondo aziona il turbo e tutta la sua creatività: Perisan fuori dai pali, tocco morbido a scavalcare e palla in fondo al sacco. Campani avanti al settimo giro di lancette. Di Tacchio e compagnia gestiscono con assoluta serenità. L’undici di Domizzi fatica a rendersi pericoloso dalle parti del numero uno avversario. Dall’altra parte, invece, il duo Casasola-Kupisz manca di pochi centimetri il raddoppio. Brivido nel pacchetto arretrato guidato da Gyomber ad un passo dal trentesimo. Traversone di Mallano e deviazione del solito Zammarini che solletica il palo alla sinistra di Belec. Dieci al duplice fischio. Super Casasola sulla corsia di competenza, il pipelet friulano respinge come può. Pordenone a millimetri dal gol del pari con Ciurria nel finale di tempo. Al via la ripresa. Diciassette minuti e Butic mette i brividi al pacchetto arretrato campano. Il numero uno bosniaco c’è. Risposta immediata della Salernitana. Il solito Gondo a render dura la vita ai friulani. Vogliacco evita lo zero a due. Cambio di campo e Misuraca, destro di rara potenza, piega i guantoni dell’estremo difensore granata. Uno ad uno al 68’. Bocchini cambia. Nella mischia Tutino, Coulibaly e Cicerelli. I ragazzi di Castori iniziano a scricchiolare. Dieci al triplice fischio. Girata di Camporese, miracolo di Belec. Sul manto erboso anche la fantasia di Anderson per tentare l’assalto ai tre punti. Cinque di recupero. C’è anche Kristoffersen. Ultmo giro di lancette. Barison atterra in area di rigore Tutino. Marini indica il dischetto e l’ex Cosenza non sbaglia. Sorpasso granata.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.