Assistenza computer salerno e provincia
Pizzeria Betra Salerno

Salernitana in offside, il Cittadella ringrazia (0-2 pt)

La formazione granata, priva del giusto mordente, punita da Schenetti e Salvi. Palo colpito da Rosina nel finale di tempo

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-CITTADELLA 0-2

SALERNITANA (4-3-3). Radunovic, Casasola, Tuia, Monaco (22′ Schiavi), Vitale, Minala, Ricci, Kiyine, Rosina, Palombi, Sprocati. A disp.: Adamonis, Russo, Mantovani, Asmah, Signorelli, Della Rocca, Akpa-Akpro, Orlando, Bocalon, Di Roberto, Rossi. All.: Colantuono.
CITTADELLA (4-3-1-2). Alfonso, Salvi, Scaglia, Varnier, Benedetti, Iori, Bartolomei, Settembrini, Schenetti, Kouame, Arrighini . A disp.: Paleari, Pezzi, Adorni, Lora, Chiaretti, Pasa, Maniero, Strizzolo, Vido. All. Venturato.
MARCATORI. 18′ Schenetti, 39′ Salvi.
ARBITRO. Guccini di Albano Laziale.
NOTE. Spettatori: 6.17; ammoniti: Minala; minuti di recupero: 4′ pt.

Salernitana in offside. Schenetti e Salvi lanciano il Cittadella all’Arechi. IL PRIMO TEMPO. E’ un silenzio assordante quello della curva sud, nei confronti del co-patron Claudio Lotito, per i primi quindici miniti di gara. A resisentirne è anche la partenza non particolarmente positiva dei padroni di casa. Sono i veneti, infatti, a controllare il gioco. Tanto possesso palla, però, e poco altro. Il primo sussulto, dodicesimo giro di lancette, è targato Salernitana. Traversone di Sprocati e Rosina, davvero per questione di centimetri, non giunge al prezioso appuntamento con il vantaggio. Torna a popolarsi, senza cori e bandiere, il settore più caldo della tifoseria granata. Trascorrono tre minuti ed il Cittadella trova il punto dell’uno a zero. E’ Schenetti, fuorigioco non eseguito alla perfezione dal pacchetto arretrato campano, a bucare la rete di Radunovic. La reazione dei ragazzi di Colantuono, costretto al cambio in corso Monaco-Schiavi, si traduce in uno sterile tentativo dalla distanza di Kiyine. Salernitana sprovvista del classico mordente e veneti che raddoppiano a sei minuti dal duplice fischio di chiusura. Azione d’angolo, Scaglia colpisce la traversa e Salvi da due passi fa centro. Tuonano i granata al 43′ e 48′. Rosina, il più ispirato, deve fare i conti con il palo mentre Sprocati, sempre a corrente alternata, sfiora l’incrocio con un delizioso tiro a giro.

Assistenza computer salerno e provincia
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.