Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, l’occasione da non perdere si chiama Ternana

Ora si deve cambiare pagina, resettare tutto e sfruttare il fattore campo

Enzo Sica

Ora si deve cambiare pagina. Resettare tutto, concentrarsi sulla gara di oggi contro la Ternana. E sfruttare il fattore campo che finora ha dato solo due “gioie” ad una tifoseria arrabbiata ma anche decisa a non far mancare l’apporto ad una squadra che ha bisogno di serenità e tornare alla vittoria. E proprio sul cambiamento di rotta (che ci dovrà essere) il Club granata Salerno 2010 di cui è presidente Salvatore Orilia ha diramato un comunicato in cui invita alla compattezza tutte le componenti per aiutare a superare il difficile momento.
Una classifica impietosa, una zona play out ad un passo, un campionato che dopo 13 giornate ha regalato pochissimo gioco ad una Salernitana che, tutto sommato, è molto diversa, positivamente, rispetto a quella dello scorso anno. Ma Sannino, finora, non è riuscito a farla incidere molto su quello che doveva (ma potrebbe ancora esserlo) il torneo del rilancio. Dunque se finora, nel fortino-Arechi (ma anche in trasferta) non è scattata ancora la classica “molla” vuol dire che anche psicologicamente la squadra è bloccata. Forse il modulo proposto da Sannino non è congeniale ai calciatori che ha a disposizione? Potrebbe anche essere ma se si mettono in doscussione calcitori come Coda, Donnarumma e anche Rosina allora vuol dire che qualcosa ci è sfuggito. E se il co-proprietario  Marco Mezzaroma dichiara.”La squadra ha bisogno di tranquillità per sbloccarsi. Prendiamo ad esempio Coda che lo scorso campionato dopo sei, sette gare volevano farlo scappare inseguito da…forconi perchè non segnava. Poi è stato il miglior realizzatore della squadra a dimostrazione del proprio valore. Come d’altro canto Rosina e Donnarumma”. Insomma c’è bisogno solo di aspettare, non cospargersi il capo di cenere, avere la tranquillità di vedere ancora il bicchiere mezzo vuoto ma in prospettiva colmarlo perchè Sannino e la squadra hanno le potenzialità per far ritornare il sorriso ai tifosi che tifano granata.
E oggi inizia un trittico alquanto abbordabile. Almeno sulla carta. Contro Ternana, poi in trasferta a Latina e chiusura del mese di novembre in casa contro la Pro Vercelli la squadra potrebbe ritrovare la via del gol. Ed anche il sorriso. Sannino è fiducioso. Ha incassato, come era giusto che fosse, la fiducia della società e cambierà ancora modulo per cercare di vincere la terza gara interna stagionale contro la formazione umbra di Benny Carbone. Lo farà con i tre “tenori” in campo. Donnarumma e Coda, terminali offensivi, capitan Rosina dietro le due punte. E con una difesa a 4, abiurando per ora il 3-5-2 ci si proietterà verso i tre punti che sono il massimo obiettivo. Anche per poter esultare, finalmente, al novantesimo.
di Enzo Sica
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.