Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, la rincorsa continua

Il Benevento batte la Lupa e resta in vetta

Nicola Roberto

Il Benevento batte la Lupa Roma e, pur senza incantare, si riporta in vetta alla classifica.  La capolista mantiene due punti di margine sulla Salernitana che l’aveva momentaneamente sopravanzata grazie al successo di domenica scorsa contro l’Ischia. La squadra di Menichini resta a meno due dai sanniti di Brini e prosegue la sua rincorsa che passa, ora, attraverso la trasferta di Melfi. Sabato, in Basilicata, Menichini sarà privo dello squalificato Calil, capocannoniere del girone C con 13 centri all’attivo.

Un’assenza pesante cui, però, i granata dovranno dimostrare di poter sopperire. Mendicino potrebbe avere la grande occasione di tornare titolare e dovrà sfruttarla al meglio. L’ex Crotone non è la prima opzione per Menichini che, dopo averlo inserito dal primo minuto contro Martina ed Aversa, lo ha nuovamente relegato in panchina. Sabato, però, ci sarà bisogno di lui e Mendicino vuole farsi trovare pronto anche perchè sente sul collo il fiato di Andrei Cristea, l’attaccante romeno appena tesserato dal club granata che, a sua volta, cercherà di ritagliarsi uno spazio importante. Tutti sono utili in questa fase caldissima della stagione e Menichini spera di avere finalmente al top anche Gabionetta.

La certezza, per ora, si chiama Andrea Nalini, decisivo contro l’Ischia con il gol su punizione che ha sbloccato la contesa ed in crescita sul piano fisico dopo mesi difficili a causa di ripetuti stop and go. La caviglia, la spalla, infine una contrattura: per l’esterno veronese non è stato un momento facile, ma ora il peggio alle spalle e la forma è in progresso. Il mercato ha riconsegnato alla causa anche Maikol Negro, un vero e proprio acquisto di gennaio, che si candida ad essere determinante nella volata promozione. Contro l’Ischia non è stato brillantissimo, ma ha bisogno di giocare con continuità ed a Melfi dovrebbe essere schierato ancora dall’inizio. Sabato, infatti, nel tridente ci sarà Mendicino come punta vertice. Nalini e Negro agiranno ai suoi lati. Senza Calil, alla Salernitana serviranno i gol degli altri attaccanti in rosa.

La differenza con il Benevento, finora, è stata proprio questa: i sanniti hanno in Marotta ed Eusepi due stoccatori quasi infallibili, i granata dipendono troppo dal rendimento del paulista ex Varese e Siena. Nella volata per la promozione, dunque, ci sarà bisogno di altri gol.

Nicola Roberto

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.