Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, il tempo di decidere e crescere

Sannino è già un allenatore sulla graticola, la palla passa alla società

Nicola Roberto

Siamo già al bivio, alla resa dei conti. Incredibilmente, con una disarmante puntualità e con un’ossessiva ripetizione di errori e dinamiche ormai facenti parti di un copione consolidato, la Salernitana deve già chiedersi cosa fare da grande. La sconfitta col Vicenza, la seconda di fila, condanna la squadra a proseguire nel digiuno di successi e la fa scivolare nei bassifondi della classifica. E’ vero che siamo all’inizio, ma in certe posizione si sta sempre scomodi e, dopo l’esperienza dello scorso anno, si sperava che certe situazioni non si sarebbero ripetute. Sannino ieri sera non ha convinto e non è piaciuto, in campo e fuori. Le scelte di formazione, ma soprattutto i cambi e, ancor di più, le parole pronunciate con un certo livore, con un atteggiamento che non dovrebbe appartenere ad un professionista, peraltro abituato, in virtù di una carriera importante, a confrontarsi con la critica. Per questo, alla vigilia della difficile trasferta di Cesena, si avverte più che mai la necessità di un intervento deciso della proprietà, la cui assenza all’Arechi non è passata inosservata. Occorre restituire serenità al tecnico, se si ha intenzione di proseguire un percorso avviato appena due mesi fa, anche se tra mille contraddizioni e con tempi troppo lunghi in sede di mercato. Altrimenti, qualora la fiducia in Sannino fosse già venuta meno, occorrerà intervenire con altrettanta prontezza senza intraprendere quel calvario che ha caratterizzato gran parte dell’avventura di Torrente. Sannino è un allenatore capace e preparato, ma l’impressione è che sia andato in confusione ed ora va aiutato a ritrovare la bussola. Non è tanto l’alternanza di moduli ed uomini quanto l’atteggiamento di chiusura verso le critiche, il difendere attaccando chi è chiamato a valutare e giudicare in base a ciò che vede, che preoccupa perchè è spia di un nervosismo di fondo che non fa bene al gruppo. A Cesena si capiranno tante cose. Poi, toccherà alla proprietà decidere.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.