Taste - Sapori mediterranei
Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, Firenze azzanna il Cosenza (0-1)

I 90' del "San Vito-Marulla". Granata a punteggio pieno. Cicerelli costruisce e l'ex Crotone fulmina Perina, ad inizio ripresa, dopo un primo tempo anonimo. Doppia traversa per i silani colpita da Bruccini e Carretta.

Alfonso Maria Tartarone

COSENZA-SALERNITANA 0-1 (0-0)

COSENZA. Perina, Idda (79’ Kone), Monaco, Capela, Corsi (65’ Moreo), Kanoute, Bruccini, Legittimo (46’ Bittante), Carretta, Baez, Pierini. A disp.: Saracco, Broh, Schiavi, Trovato. All.: Braglia
SALERNITANA. Micai, Karo, Migliorini, Jaroszynski, Cicerelli (86’ Kalombo), Akpa Akpro (68’ Maistro), Di Tacchio, Firenze, Kiyine, Djuric, Jallow. A disp.: Vannucchi, Russo, Lopez, Odjer, Calaiò, Pinto, Dziczek, Musso. All.: Ventura
MARCATORE. 48’ Firenze.
ARBITRO. Minelli di Varese.
NOTE. Spettatori: 9.964; 855 provenienti da Salerno; espulso: 85’ Braglia, tecnico del Cosenza; ammoniti: Legittimo, Cicerelli, Jallow, Firenze, Monaco, Idda, Micai, ; calci d’angolo: 3-1; minuti di recupero: 0’ pt e 6’ st.

Salernitana, Firenze azzanna il Cosenza (0-1). Granata a punteggio pieno. Cicerelli costruisce e l’ex Crotone fulmina Perina, ad inizio ripresa, dopo un primo tempo anonimo. Doppia traversa per i silani colpita da Bruccini e Carretta. LA PARTITA. A far vibrare la contesa, trascorsi appena cinque giri di lancette, è il calcio piazzato di Carretta. La respinta di Micai è decisiva. Granata ancora in attesa del guizzo giusto. Nulla d’importante da segnare al “San Vito-Marulla”. Gli unici a darsi da fare sono Legittimo e Cicerelli, entrambi ammoniti dall’arbitro Minelli. L’iniziale pressione dei padroni di casa va scemando con il passare dei minuti. I campani, a questo punto, dovrebbero cercare di sorprendere i calabresi. Al 25’, però, nessun tiro verso lo specchio della porta difesa da Perina. Centoventi secondi dopo ritorno di fiamma dei silani. Carretta in versione assist-man, Pierini è pronto a spedire in fondo al sacco ma l’ex numero uno del Bari compie un vero e proprio miracolo. I ragazzi di Braglia non mollano la presa. Campani in affanno anche sul tocco vincente del solito Pierini, rete annullata per fallo di Monaco, e sulla conclusione di Kanoute. Pochi giri di lancette al duplice fischio di chiusura. Cosenza ad un passo dal vantaggio, Bruccini sfiora il palo. “Risponde” la Salernitana. Kiyine prova ad imbeccare Djuric, nulla da fare. Si ricomincia. Braglia tira fuori dalla mischia l’ex Legittimo (cartellino giallo sul groppone), dentro Bittante. Proprio quest’ultimo, coadiuvato suo malgrado da Kanoute, si lascia facilmente superare da Cicerelli: sfera a Firenze che fulmina Perina. Granata inaspettatamente avanti (48’). Cinque minuti più tardi i campani manco di un niente il raddoppio. Jallow si traveste da “Arsenio Lupin”, ruba palla a Idda e sul più bello si lascia ipnotizzare dal portiere rossoblu. La compagine di Ventura amministra il vantaggio con assoluta tranquillità. I lupi stentano a tornare a galla. Sempre il gambiano al 17’, Monaco ci mette una pezza. Braglia si affida a Moreo per tentare di acciuffare il pareggio. Poco più di un quarto d’ora alla fine. Il Cosenza trova nuova energia. Pacchetto arretrato granata in sofferenza e doppio legno firmato Bruccini-Carretta. Forcing conclusivo dei silani. Clima rovente, espulso il trainer calabrese. Sei giri di lancette di recupero. La Salernitana espugna il “San Vito-Marulla” (riscattando i due ko consecutivi, uno di questi con il Pescara, che la condannarono lo scorso anno alla disputa del play-out con il Venezia).

Taste - Sapori mediterranei
Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.