Richiedi la tua pubblicità
No Signal Service

Salernitana-Fiorentina, fuochi d’artificio: 3-3

Stadio "Arechi", 90'. Granata tre volte avanti con super Dia: Gonzalez, Ikonè e Biraghi rimediano per la viola

Alfonso Maria Tartarone

SALERNITANA-FIORENTINA 3-3 (1-1)

SALERNITANA. Ochoa, Lovato, Gyomber (14′ Daniliuc), Pirola, Mazzocchi (92′ Sambia), Bohinen (61′ Vilhena), Coulibaly, Bradaric, Maggiore (61′ Kastanos), Botheim, Dia. A DISP.: Sepe, Fiorillo, Troost-Ekong, Bronn, Nicolussi Caviglia, Iervolino, Piatek, Bonazzoli. ALL. Sousa squalificato, in panchina Lladò
FIORENTINA. Terracciano, Dodò, Martinez Quarta, Igor (66′ Ranieri), Biraghi, Castrovilli (60′ Bonaventura), Mandragora (66′ Duncan); Gonzàlez, Baràk, Ikoné; Cabral (66′ Jovic). A DISP.: Cerofolini, Vannucchi, Milenkovic, Terzic, Venuti, Saponara, Bianco, Sottil, Brekalo. ALL.: Italiano.
MARCATORI. 10′, 59′ e 81′ Dia, 35′ Gonzalez, 71′ Ikonè, 84′ Biraghi
ARBITRO. Pezzuto di Lecce.
NOTE. Ammoniti: Mandragora, Castrovilli, Cabral, Daniliuc, Botheim, Martinez Quarta, Bradaric, Duncan; calci d’angolo: 2-3; minuti di recupero: 1′ pt e 4′ st.

Salernitana-Fiorentina, fuochi d’artificio: 3-3. Granata tre volte avanti con super Dia: Gonzalez, Ikonè e Biraghi rimediano per la viola LA PARTITA. La prima occasione è a tinte viola. Barak, sempre pericoloso con i suoi inserimenti in area di rigore, non inquadra lo specchio della porta da ottima posizione. I toscani pressano, ma alla prima offensiva sono i padroni di casa a passare in vantaggio. Botheim difende la sfera, sponda per Bradaric che di prima invita alla corsa Dia: controllo, finta sul direttore marcatore e destro in fondo al sacco. Cambio forzato per l’undici granata. Problemi fisici per Gyomber, dentro Daniliuc. Campani in controllo mentre fatica i gigliati a ritrovarsi. Superata la mezz’ora di gioco ritorna in auge la compagine di Italiano complice, però, un errore in disimpegno di Ochoa. Ad approfittarne è Ikonè, assit per Gonzalez e diagonale alto di poco sulla traversa. L’argentino si rifà al giro di lancette trentacinque. Dodò pennella dalla destra, l’ex Nizza si addormenta ed il colpo di testa dell’ex Stoccarda riporta il punteggio in parità. Si riparte nel segno di Cabral. Stacco aereo fuori misura. Ci mette qualche minuto per carburare la Salernitana, ma quando a tessere la tela c’è l’accoppiata Botheim-Dia il gol è cosa fatta. Esterno destro dell’ex Bodo ed il numero ventinove, come accaduto nella prima frazione, si fa beffa del difensore e del portiere della Fiorentina per il 2 a 1 (59′). Non mollano la presa i toscani. Illumina Bonaventura ed Ikonè, dopo essersi liberato anche del numero uno messica, deposita in rete per il nuovo pareggio viola. Il pacchetto arretrato campano vacilla. Azione d’angolo, batti e ribatti e super parata di Ochoa sul tocco (involontario) di Martinez Quarta. Dalla parte opposta Mazzocchi continua a sprintare, Terracciano lo travolge e Pezzuto assegna la massima punizione a dieci dal termine. Sul dischetto si presenta Dia, tris dei padroni di casa. Il match dell’Arechi non finisce mai. Il mancino da fermo è di Biraghi: leggera deviazione proprio del senegalese e traiettoria che beffa (84′) l’estremo difensore campano per la definitiva divisione della posta in palio.

No Signal Service
No Signal Service

Commenti

I commenti sono disabilitati.