Pizzeria Betra Salerno

Salernitana, il destino si compie all’Arechi

Dopo il pari di Vercelli, la squadra di Bollini si gioco tutto nel doppio turno interno con Bari e Frosinone

Nicola Roberto

Un piccolo, grande passo verso i playoff: il punto conquistato dalla Salernitana a Vercelli potrebbe avere il retrogusto amaro di un’occasione persa, perchè, in caso di successo, i granata avrebbero spiccato il volo, ma è comunque un segnale di continuità dopo la vittoria in rimonta sul Latina ed è servito per accorciare il distacco dall’ottava piazza. Ora, infatti, la Salernitana si trova ad una sola lunghezza dalla coppia Entella- Carpi, che hanno subito due sconfitte pesanti in altrettanti scontri diretti contro Spezia e Cittadella. Forse la Salernitana avrebbe potuto osare di più, forse avrebbe anche voluto farlo come lascia intuire la scelta di Bollini di schierare inizialmente Donnarumma nel tridente e di preferire Bittante a Tuia sulla corsia destra difensiva. Due mosse propedeutiche ad una gara di offesa più che di contenimento, ma la Salernitana ha prodotto poco anche per merito di una Pro Vercelli che ha allungato ad un undici la serie utile e a sei quella di partite senza reti al passivo. Il dato che emerge dalla giornata appena trascorsa è che ora più che mai la Salernitana ha il destino nelle sue mani. Ad un solo punto dai playoff, infatti, la squadra di Bollini ha l’opportunità di giocare due gare di fila all’Arechi. Contro il Bari, dopodomani, e contro il Frosinone, la sera del primo maggio, i granata si giocheranno una bella fetta di playoff e potranno farlo in casa, facendo leva sul calore e sulla spinta del proprio pubblico, chiamato a recitare il tradizionale ruolo di dodicesimo uomo in due gare di cruciale importanza. Il momento della verità è arrivato. Dopo una rincorsa cominciata proprio dopo la gara di andata con la Pro Vercelli, che segnò il passaggio di consegne da Sannino a Bollini, ora la Salernitana può mettere la freccia. Raggiunto il Bari, i granata possono addirittura staccarlo ed estrometterlo dalla lotta. E’ uno spareggio tra due pretendenti ai playoff, ma potrebbe pure essere il definitivo trampolino di lancio per Coda e soci che dovranno recuperare in fretta le energie fisiche e mentali per farsi trovare pronti: il momento della verità è arrivato e non si può sbagliare.

Sport1

Commenti

I commenti sono disabilitati.